Viaggiare in inverno

January 13, 2017

L' accogliente ostello Youthink a Cluj. Una bella tazza di tè caldo. -15 fuori. Condizioni ideali per scrivere un post su come viaggiare in inverno.

 

Avremmo dovuto essere in India, questo era il piano. Ma siamo riusciti a stabilire una cooperazione con Sfera Macedonia, interessata al nostro Corso per Changemaker. Quindi abbiamo cambiato i nostri piani e cercando di viaggiare via terra, per motivi economici, ecologici e d’avventura, abbiamo deciso di rimanere nei Balcani. Sapevamo che sarebbe stato difficile. Inverno vero, non come i 30 gradi in Thailandia lo scorso anno. Ma saperlo e provarlo non è decisamente la stessa cosa. Ogni giorno conto le ore che mancano a primavera e mi chiedo come sia accaduto veramente che non ci troviamo da qualche parte nel bel mezzo dell’India.

 

Veniamo al punto. Un pensiero abbastanza ovvio, ma voglio scriverlo nel caso qualcuno stia pensando di intraprendere la sfida di un viaggio invernale (o si chieda come è). Naturalmente il nostro bagaglio è diverso dalla spedizione tropicale. Ci siamo lasciati indietro la tenda. Al suo posto abbiamo preso più maglioni e calzini pesanti. Non abbiamo un abbigliamento invernale veramente adeguato. Viaggiando a lungo lo zaino è sempre il risultato di un compromesso. Così abbiamo T-shirt, che oggi non sono realmente utili, ma quando il tempo comincerà a cambiare ne avremo bisogno. Invece di  una vera e propria giacca invernale, un impermeabile con imbottitura rimuovibile. Invece dello sciarpone di lana, una sciarpa leggera, che può essere utilizzata in vari modi. Non abbiamo sandali, oltre agli scarponi abbiamo preso le scarpe da tennis (un po' anche perché speriamo di ridarci al jogging) e una sorta di ciabatte, utili in ambienti non molto ben riscaldati (la maggior parte non lo sono). Probabilmente una decisione saggia sarebbe un thermos; invece, il più delle volte, portiamo con noi della rakija, che ci viene regolarmente donata dalle persone che incontrano lungo il cammino. Non è calda, ma l'alcool aiuta in situazioni critiche.

 

Naturalmente, anche il nostro modo di viaggiare é cambiato. Senza tenda e temperature inferiori allo zero dar sfogo alla spontaneità è più difficile. Abbiamo bisogno di avere un piano su dove alloggiare ogni notte, cosa che non era necessaria in Asia. Anche l’autostop è diventato difficile. Abbiamo attraversato in autostop Macedonia e Serbia, ma quando il termometro mostrava ancora qualche tacca sopra lo 0. Ma sulla strada per la Romania, dopo 45 minuti al freddo, ci abbiamo dato a mucchio e ci siamo rintanati in un confortevole treno. Questo ovviamente aumenta il costo del viaggio e diminuisce il divertimento. Anche mangiare fuori diventa quasi impossibile. Spesso ci facevamo un pranzetto comprando, ad esempio, pane, formaggio, alcune verdure e facendo un mini-pic-nic in un parco o una piazza. Ora non possiamo nemmeno considerarlo un'opzione. Inoltre, anche quando pensiamo di visitare una città (a causa del gelo in realtà non accade troppo spesso), di tanto in tanto ci dobbiamo fermare per una tazza di caffè o di tè per riscaldarci. L’inverno in realtà non ci impedisce di incontrare e intervistare i changemaker, ma goderci i luoghi che visitiamo, spesso belli, come ad esempio Timisoara, è quasi impossibile.

 

Quale sarebbe il lato positivo dell’inverno ... a volte è bello, come si può vedere nella foto sopra, che nonostante le apparenze, non è un disegno, ma una vera e propria foto scattata a IVA farm in Serbia. Che altro ... Si inizia ad apprezzare le piccole cose. Una tazza di tè caldo. Qualche minuto di sole. Il tepore di un baretto. Certo, apprezzeremo la primavera più che mai. E c'è sempre qualcosa di cui parlare, visto che il tempo diventa l’argomento numero uno.

 

Altri lati buoni ... ora non ne vedo. E la lista dei propositi del nuovo anno è iniziata con la decisione principale di trascorrere il prossimo inverno nei tropici ;)

 

 

Share on Facebook
Please reload

RELATED | POWIĄZANE

Please reload

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon

We are Anna and Andrea, a Polish-Italian couple traveling around the world. We are looking for changemakers,  in order to describe and share their stories.

Our journey is based on exchange: story telling and other skills in exchange for a place to sleep and food. 
 

Join the GoodNewsLetter