Puoi farcela

September 1, 2017

Puoi farcela

EDUKABE

Lodz| Polonia

Com'è iniziato tutto?

 

Barbara Michalska: Alla fine della scuola elementare, l'insegnante mi disse: "Basia, devi andare ad una scuola tecnica, non tentare nulla di più". Sapeva che volevo andare ad una scuola con specializzazione medica, ma visti i miei voti bassi, non lo raccomandava. Qualche tempo dopo sono andata a quella scuola con mio padre, ricordo che sono rimasta impalata di fronte all'ingresso e fino all'ultimo momento ho esitato ad iscrivermi. Mi sono girata, ho guardato mio padre e ho chiesto:

- Sei sicuro?

- Non saprai mai la risposta, a meno che non ci provi. Se te lo senti, fallo. Vai.

E sono andata. Ho poi scoperto che in quella scuola superiore non esisteva un corso per infermieristica - a cui puntavo - e sono finita in una classe con indirizzo pedagogico. Alla fine, comunque, ho anche seguito un corso di servizio di pronto soccorso in una scuola post-diploma.

 

Hai mai lavorato al pronto soccorso?

 

Ho sempre pensato che nulla accada per caso ... mi sono candidata ad una posizione in un'unità medica di emergenza. L'uomo che ha guardato i miei documenti ha detto:

- Tutto bene, ma non ti prenderemo.

- Perché?

- Perché sei una donna.

- E…?

- Puoi rimanere incinta, prenderti un congedo, non puoi alzare pesi ...

E' stata la prima volta che ho provato cosa vuol dire essere discriminati. Ho lasciato il posto totalmente depressa. Ho fatto domanda all'università e mi sono laureata in pedagogia. Durante i miei studi ho lavorato un po' per un nido, un po' all'asilo. Lavorando all'asilo ho capito quanto sia facile finire per esaurirsi in questo sistema, che è chiuso, non si preoccupa delle persone, afferma che il bambino è la cosa più importante e ha un valore superiore, ma ciò che conta in pratica sono i documenti, e sulla carta puoi scrivere qualsiasi cosa. Ricordo il dolore dentro e le discussioni che abbiamo avuto con il collega dell'aula accanto. Il gruppo con cui ho lavorato era stato finanziato da una borsa europea, avevamo il nostro spazio con una porta bianca. Dico sempre che il cambiamento è iniziato con questa porta. Di solito era chiusa, separando due diversi gruppi di scuola materna, ma un giorno il mio collega la aprì e disse: Barbara, non ne posso più, facciamo qualcosa.

 

Che cosa avete fatto?

 

Ho sempre sognato una Fondazione guidata da valori che sono per me importanti. La libertà è uno di questi. Non riesco a immaginare come le persone possano venire costrette a fare qualcosa. Organizziamo seminari, principalmente sulla sicurezza su Internet, spieghiamo ai bambini che hanno i loro diritti. Vedo sorpresa nei loro occhi. Spesso all'inizio ti attaccano, ma se parli con calma delle loro passioni, valori, interessi, iniziano a chiedersi se sei reale. Credo anche che non si possa fare un workshop solo con delle chiacchiere, i bambini non ne possono più di ascoltare. Recentemente, abbiamo avuto un workshop in una delle scuole, siamo entrati in classe e c'erano sei studenti. Era la loro ultima lezione. Abbiamo iniziato chiedendo come si sentivano. Ci hanno guardato.

- Bene.

- Siete stanchi?

- Sì.

- Perché siete rimasti?

- Perché gli altri ci hanno detto che il workshop è ok.

Abbiamo iniziato a parlare, chiedendo loro cosa mancano nell'educazione di oggi. Hanno detto: essere trattati seriamente. Non che qualcuno venga e dica loro cosa non possono fare. Lo sanno perfettamente, quello che non sanno è cosa dovrebbero fare, il modo in cui scegliere, dove andare.

 

Com'è la tua vita fuori dalla Fondazione?

 

Ogni giorno parlo con donne, con uomini, dico loro che sono fantastici. Anche ieri siamo andati con mia figlia allo skate park, lei ha preso il suo monopattino. Abbiamo visto due ragazze su pattini a rotelle. Una di loro era tranquilla, poteva fare ciò che voleva, mentre l'altra era timorosa e triste. Pensava di non saper fare. Quando si è voltata verso di me le ho detto:

- Prova, con piccoli passi.

- Grazie.

- Non ringraziarmi, provaci. Ce l'hai fatta? Prova ancora, un po' di più.

Alla fine mi sono avvicinata a lei per dire di non arrendersi. Se ti arrendi, non vedrai quanto puoi andare lontano. Vieni domani e riprova. Questo è quello che faccio ogni giorno, parlo con le persone. Qualcuno mi passa vicino dicendo a una donna: sei bellissima. E io aggiungo: dille che è anche intelligente. Pochi giorni fa eravamo in una pizzeria con mia sorella, serviti da una cameriera estremamente carina e gentile. Ho chiesto di parlare con il manager. Gli ho detto di apprezzare questa persona perché è straordinaria e anche se non credo che guadagni quanto merita, quantomeno dovrebbe essere apprezzata per il lavoro che fa ogni giorno. La ragazza aveva le lacrime agli occhi. Queste sono le cose che amo fare.

 

Da dove viene fuori?

 

Probabilmente dalla mia esperienza personale. Dico sempre scherzando che finché non avrò l'Alzheimer, ricorderò quell'insegnante che disse a una ragazza di 15 anni che non avrebbe dovuto neanche provarci. Mi piace anche osservare le persone. Si dice che alcune persone siano timide, ma penso che forse non è timidezza, ma la capacità di osservare il mondo e scegliere le persone con cui si sentano di poter parlare o con cui stare.

 

Hai sempre la forza per stare con la gente?

 

Non sempre, a volte mi piacerebbe prendere il mondo a calci. Ad esempio, quando alla Fondazione abbiamo problemi finanziari. Dico spesso a Mariusz, il mio partner, è un peccato che qualcuno abbia inventato i soldi. Mi angoscia dover tradurre tutto in denaro, alcune cose sono semplicemente inestimabili.

A volte non è facile bilanciare quanto dare e quanto prendere per te stessa. Quanto dare agli altri per non esaurirti, quanto tenere, per poter continuare a lavorare. Sono arrivata a un punto in cui sento che mi è sempre più difficile aiutare gli altri. Ho pensato che forse sto dando troppo. O magari sono rimasta impantanata in una situazione, senza riuscire a muovermi e senza vedere. Forse devo aprirmi alle persone, a nuove idee, non attaccarmi al fatto che se qualcosa funziona, dobbiamo continuare a farla.

 

Cosa aiuta a cambiare il mondo, anche in quei momenti difficili?

 

Le persone. Essendo convinti che puoi farcela. Essendo quella strana, che esce dal seminato. Sperimentando lezioni così preziose nella vita come saltare su una pozzanghera, correre nella rugiada del mattino, rotolare da una collina. Andando oltre i limiti stabiliti. Essendo in grado di provare quel momento di libertà. A volte un tramonto o un'alba sono necessari. A volte una conversazione. Una buona mela, riscaldata dal sole, a volte questo è ciò di cui abbiamo bisogno per cambiare il mondo.

 

Sei felice?

 

Lo sono e non lo sono. Lo sono perché penso che la mia vita è divertente, molte cose stanno accadendo. E c'è anche il tempo di fermarsi per un momento. Ho la sensazione che molto dipende da me. Ma non sono felice perché vedo persone che hanno bisogno di aiuto. Anche oggi, quando sono uscita, ho visto un uomo senza dimora. Ha la tendenza a piegare le mani e ho visto che la gente non lo capisce. Abbiamo l'abitudine di mettere etichette. Nessuno passa semplicemente pensando: ok, lui è così. Forse ha bisogno di aiuto, non necessariamente di soldi, forse di informazioni su dove trovare un pasto caldo. E in questo contesto, sono infelice che il mondo sia così stranamente organizzato, senza motivo. Recentemente ho sentito una cosa interessante, che tutto parte dal caos: idee, concetti. Forse questo mondo è troppo organizzato. Forse ci manca andare più in profondità, al sentimento primario di chi siamo, per capire che questo mondo è uno. Sarei felice se camminassimo tutti scalzi, se non indossassimo rigide uniformi. Ho pensato di farmi i rasta, ma qualcosa nella mente mi blocca, perché probabilmente se provo a chiedere soldi per la Fondazione, parlo con persone serie, faranno immediatamente la connessione ONG - hippie, dreadlocks, libertà e pace.

 

E in futuro...?

 

In futuro ... la vita procede. Sono al punto di riconsiderare alcuni pensieri. Mi è sempre sembrato di aver bisogno di un piano a lungo termine. Ora, sto cercando di limitarlo, concentrarmi sui prossimi 2-3 anni. È anche importante vivere in armonia l'uno con l'altro ogni giorno. Svegliarmi, guardare mio marito, mia figlia, sentire che è fantastico, che è quello che volevo. Penso che sia importante con chi passiamo le nostre vite. Credo che siamo riusciti a creare una bella famiglia, dove c'è spazio per la rabbia, la tristezza, la felicità. C'è uno spazio per saltare su quelle pozzanghere. E andare al balcone alle 22 se mia figlia lo desidera. Ovviamente gli dico 'metti le ciabatte', 'indossa la maglia', ma alla fine ci va. Questo momento è importante, stare insieme, divertirsi. E dire alle persone che possono farcela. Se potessi, lo direi 24 ore su 24: puoi farcela! Ma so che alcune persone hanno le cuffie alle orecchie per vari motivi e non mi sentirebbero. Ma tu puoi. 

 

Ulteriori informazioni su EduKabe: edukabe.pl 

 

Share on Facebook
Please reload

RELATED | POWIĄZANE

Please reload

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon

YouTube

We are Anna and Andrea, a Polish-Italian couple traveling around the world. We are looking for changemakers,  in order to describe and share their stories.

Our journey is based on exchange: story telling and other skills in exchange for a place to sleep and food. 
 

Join the GoodNewsLetter