E’ importante esserci

E’ importante esserci

UDREAM

Porto | Portugallo

Udream è stata fondata 4 anni fa, il 20 agosto 2013. L'idea è nata da uno studente della facoltà di economia. - dice Irma de Magalhaes -Ha avuto la tubercolosi quando aveva 16 anni, ha trascorso molto tempo in ospedale. In quel periodo si rese conto che non c'era abbastanza supporto emotivo negli ospedali, né per i bambini, né per i genitori. Cosi ha deciso di creare un'organizzazione studentesca che colmasse questa lacuna.

 

Degli studenti hanno iniziato a supportare i bambini ei loro genitori, donando loro tempo, speranza e qualcosa di speciale.

 

Facciamo compagnia ai bambini di un ospedale oncologico a 15 minuti da qui. Andiamo lì ogni giorno. Inoltre selezioniamo alcuni bambini per semestre per esaudire i loro desideri. Lavoriamo a stretto contatto con loro, le loro famiglie e i medici per capire cosa li rende felici. Uno degli ultimi desideri lo abbiamo concesso a Marcia, una bimba di 8 anni e molte energie. Tuttavia, non è stato facile connettersi con la sua famiglia. A causa della sua salute, hanno smesso di prestare attenzione alla sua educazione, ha avuto problemi a finire l'anno. Pensavamo di poterli aiutare. Marcia non credeva che l'aereo fosse reale, pensava che persino il treno fosse qualcosa da colorare sui suoi libri e amava i grossi pesci. Voleva anche essere un astronauta un giorno e una parrucchiera un altro. Aveva molti sogni. Abbiamo progettato una giornata perfetta per lei basata su questo. Siamo volati a Lisbona con la sua famiglia e siamo andati all’acquario. Con tanti pesci grossi .. non ci poteva credere. Poi l'abbiamo portata nella piccola città delle professioni, dove poteva essere un’impiegata del supermercato, prendere la patente, andare in discoteca. La sera abbiamo invitato i genitori fuori a cena, solo loro due, e i nostri volontari si sono presi cura dei bambini. Il giorno dopo siamo tornati a Porto in treno. Poi abbiamo pensato: ok, e l'impatto a lungo termine? Abbiamo offerto loro computer, libri, matite, ciò che è necessario per andare a scuola e in più quattro anni di tutoraggio. Ogni giorno si incontra per 1 ora con il suo tutor che le spiega le cose e fa i compiti con lei. I suoi voti sono migliorati e ora è una delle più brave della classe. Poiché ha un tutor, sua madre ha più tempo ed é riuscita a trovare un lavoro part-time, quindi c'è più denaro che entra in casa. Questo è l'impatto che vogliamo avere in ogni famiglia.

 

Il loro lavoro non finisce quando il desiderio è esaudito. Nemmeno quando il bambino torna a casa dall'ospedale o il loro impegno a lungo termine è scaduto. A volte intervengono nuovamente nella vita familiare anni dopo il primo incontro.

 

Una delle storie più interessanti che abbiamo qui riguarda Luis. Era un gran fan della squadra del Porto. Gli abbiamo portato un gruppo di tifosi, persone con una consapevolezza sociale molto sviluppata. E' stata una giornata magica. Luis è stato uno dei nostri primi bambini, non facevamo ancora un discorso di impatto a lungo termine. Ma due anni fa siamo dovuti entrare in scena di nuovo. Aveva il cancro, è stato meglio per un po’, poi ha avuto una ricaduta. Aveva due fratelli. Quando abbiamo incontrato questa famiglia per la prima volta, il più grande era stato arrestato e ogni giorno doveva presentarsi alla stazione di polizia. Il minore aveva problemi cognitivi. Entrambi i genitori erano disoccupati. In quel periodo sono stati allontanati da casa, non avevano nessun posto dove vivere. Abbiamo deciso di fare qualcosa. Per circa un mese tutta l'organizzazione si è fermata per concentrarsi su questa famiglia. Abbiamo trovato un'altra casa vicino alla loro, abbiamo trovato un'azienda che pagasse l'affitto per 1 anno e col Continente, una catena di supermercati, siamo riusciti a procurargli il cibo per sei mesi. Li abbiamo mandati per un weekend in un hotel con spa - non erano mai entrati in hotel prima d’allora. Abbiamo avuto 48 ore per ricostruire la casa. Abbiamo distrutto i muri, li abbiamo ricostruiti, li abbiamo dipinti, abbiamo trovato un’artista che facesse dei bei graffiti nella stanza di Luis, abbiamo creato un giardino, che Marta, la sorella, adora. Ogni piccolo dettaglio in casa è stato progettato come piace a loro, colori, graffiti, avevano cibo. Era vicino a Natale, ciliegina sulla torta: una bella cena natalizia. Tutto fatto in 48 ore. Sono tornati dall’hotel e dalle loro facce quando hanno visto la casa ... sai che hai creato un cambiamento nella vita di qualcuno.

 

Sfortunatamente, Luis è morto due mesi dopo, ma l'impatto ha avuto effetto su tutta la famiglia. Il fratello maggiore ha deciso di cambiare e contribuire, ha trovato un lavoro dopo un mese. E gli studenti hanno capito che tutto è possibile. L'impatto sugli studenti stessi è una delle idee chiave dell'organizzazione.

 

Con il tempo abbiamo capito che anche se lavoriamo sul lato umano, non prestavamo abbastanza attenzione alla vita dei nostri membri. Molti di loro non sanno chi sono e cosa vogliono. Questa è diventata una delle priorità per noi. Abbiamo workshop di auto-conoscimento, abbiamo molti momenti di condivisione di pensieri ed emozioni, coltiviamo la fiducia in se e otteniamo compiti sempre più difficili all'esterno, per capire ciò che amiamo, per connetterci di più con le altre persone. Fa anche parte della mia storia personale. Sono stata spinta a studiare una cosa che non mi piaceva. Inizialmente i miei genitori volevano che diventassi un agente di polizia, in Portogallo è un lavoro molto stabile. Mio nonno era poliziotto, molto onorevole, aveva molti diplomi sulle pareti. Per un anno mi sono preparata per andare all'accademia, ma poche settimane prima del test fisico ho scoperto di avere un disturbo cardiaco che non mi avrebbe permesso di inseguire il sogno dei miei genitori. Ho pensato: ok, è un peccato, ma ora almeno posso fare qualcosa che mi piace davvero. Posso andare al college, fare qualcosa in cui mi ci veda. Quando si è trattato di decidere quale corso scegliere, io volevo psicologia, ma i miei genitori dissero: non troveresti un lavoro dopo la laurea, sarebbe meglio andare alla scuola di legge. Cosi sono andata a legge – mi hanno dato un'educazione molto severa e rigida. Avevo 19 anni, non uscivo mai di notte, non sapevo nemmeno com’é andare a una festa di compleanno, i miei genitori non me lo permettevano. E’ stata la mia gabbia per molti anni. Finalmente sono andata in un'altra città e per la prima volta ero libera. Ho iniziato a essere coinvolta in mille progetti. Ero nell’associazione studentesca della facoltà. Ho co-fondato la Debating Society a Porto, ci siamo sparsi in tutto il paese. Queste esperienze con altre persone diventavano sempre più importanti e la laurea ... beh, era lì ma non ci pensavo davvero. Nel mezzo di questo viaggio ho trovato Udream. Ho superato il processo di assunzione - la prima volta nella mia vita. Ho iniziato a lavorare nel reparto risorse umane. Facevo cose per le persone per rendere la loro vita più confortevole, per dare loro lo spazio per crescere. Con il tempo ho iniziato a pensare che forse forse legge non faceva per me. Quest'anno ho finalmente cambiato, sto studiando psicologia. Non è bello come mi aspettavo, la realtà è sempre diversa, più difficile. Ma finalmente mi sento a casa. Penso che se non fosse stato per Udream non avrei avuto il coraggio di cambiare la mia vita. Quel coraggio viene non solo dalle cose che facciamo, ma dal rispetto comune di ogni membro, di ciascuna unicità, siamo accolti e amati come siamo.

 

In Udream puoi imparare cose che ti interessano. Si sono sviluppati molto, partiti dal realizzare desideri sono diventati una grande organizzazione con molte divisioni.

 

Abbiamo un modello sostenibile e con questo stiamo apportando non solo consapevolezza agli studenti, ma anche abilità tecniche. Udream ha cinque dipartimenti. Il dipartimento delle relazioni umane - i nostri volontari, che vanno negli ospedali e tengono compagnia ai bambini. Il dipartimento delle risorse umane, che svolge il processo di reclutamento, team building, é responsabile del nostro programma di formazione. Il dipartimento di relazioni esterne, che mira a costruire contatti con le aziende per ottenere fondi per concedere i desideri e altre attività. Il dipartimento finanziario assicura una delle cose principali del nostro progetto, che è la carta socio. Con la carta ci sono aziende di Porto che offrono sconti per i membri e ci danno canoni mensili. In cambio offriamo loro delle consulenze, se hanno bisogno di aiuto con il marketing o l'organizzazione di team building. Inoltre ottengono visibilità. Poi abbiamo soci che pagano per avere questa carta. E l'ultimo, il dipartimento marketing, é responsabile di tutto ciò che raggiunge il pubblico: video, design, ecc.

 

Tutte le persone che lavorano in questi dipartimenti sono studenti dai 18 ai 25 anni. Hanno una formazione professionale che li prepara al loro ruolo, per lo più fatta da alunni, che da una parte acquisiscono esperienza professionale, dall'altra comprendono la cultura dell'organizzazione e le sue necessità più pressanti. Oltre al lavoro quotidiano nel proprio dipartimento, formano anche gruppi misti per compiti speciali, ad esempio campagne di sensibilizzazione.

 

Qualche tempo fa abbiamo iniziato con campagne urbane che mirano a sensibilizzare la comunità. Una volta al mese viene formato un gruppo che ha libertà di usare la propria creatività per progettare un'azione. Decidono insieme qual è il problema sociale che vogliono affrontare. Poi pensano a come portare consapevolezza nelle persone su quell'argomento. Ad esempio, questo venerdì al sorgere del sole, metteremo foglietti su 6.000 auto, a Porto, Braga e Aveiro, lo stesso giorno, alla stessa ora. La gente penserà in un primo momento ad una multa, ma dentro ci sarà un messaggio del tipo: scusa per la shock causato, ma è un buon giorno per dire ”Ti amo” a qualcuno a cui vuoi bene. Fallo e basta. Sembra semplice, ma ce ne dimentichiamo troppo spesso. Una volta siamo andati ​​con dei festoni ai semafori per dire: Qual è la cosa migliore di oggi? Il tuo sorriso! E poi abbiamo regalato alla gente un pezzo di torta. Un'altra campagna che abbiamo fatto è stata per coloro che lavorano durante la notte. Sono spesso dimenticati. Le persone che ritirano la spazzatura, i medici, i pompieri. Siamo andati in alcuni di quei luoghi di lavoro per parlare con loro. Gli abbiamo portato alcuni appunti, biscotti, caffè e tè. Abbiamo chiesto loro qual è il lato peggiore nel lavorare a questi orari. Molti di loro ci hanno parlato delle famiglie, non hanno tempo per i bambini, per il coniuge. Alcuni vigili del fuoco e dottori hanno detto: vediamo solo persone nel loro momento peggiore, alcune stanno morendo e dobbiamo dire loro che tutto andrà bene, il che potrebbe non essere vero, ma è importante che se lo sentano dire. E’ importante esserci.

 

Esserci ... per essere consapevoli di altri esseri umani. Questo è ciò che rende Udream così unico.

 

Una delle nostre caratteristiche culturali interne è di mettere noi stessi in prospettiva e pensare prima agli altri. Naturalmente pensiamo a noi stessi, vogliamo svilupparci; ma cerchiamo di fare le cose non per piacere personale ma per il conforto altrui. Essere umili è necessario per creare un cambiamento. Non lo stiamo facendo per essere apprezzati e alimentare il nostro ego, lo facciamo perché è giusto. Ovviamente è giusto anche essere contenti nell’aiutare gli altri, ma una volta che hai messo l'altra persona al primo posto, il tuo focus cambia. Dobbiamo trascendere da noi stessi per poter essere presenti per gli altri. Dobbiamo essere coraggiosi, forti e resilienti. Affrontare i fallimenti e le cose che non vanno bene. Dobbiamo essere aperti agli altri e cercare di aiutarli in qualche modo, ma anche accettare di essere aiutati. Sarai ferito, a volte non sarà facile, ma è parte del processo. Mettiti in prospettiva, non lasciare che la paura ti guidi, impara dalle storie degli altri. E ama quello che fai.

Maggiori informazioni su Udream: udream.pt

Share on Facebook
Please reload

RELATED | POWIĄZANE

Please reload

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon

YouTube

We are Anna and Andrea, a Polish-Italian couple traveling around the world. We are looking for changemakers,  in order to describe and share their stories.

Our journey is based on exchange: story telling and other skills in exchange for a place to sleep and food. 
 

Join the GoodNewsLetter