Imparare rigiocando


Imparare rigiocando

SHARE TOY

Aveiro | Portugal

Com'è partita la cosa?

Miguel: Share Toy è iniziata circa un anno fa.

Pedro: Avevo dei giocattoli rotti e ho proposto ad alcune persone di ripararli insieme. Abbiamo deciso di abbinare il volontariato con le conoscenze tecniche che stiamo acquisendo durante i corsi universitari.

Miguel: Da allora ci incontriamo ogni mercoledì per 5-6 ore per riparare giocattoli attraverso la stampa 3D, rammendarli, pulirli, mettere insieme le parti elettroniche, ecc.

Pedro: Non si tratta solo dei giocattoli, ma anche di sviluppare le nostre capacità; si tratta dell'ambiente, di mostrare alle persone che possono riparare le cose invece di buttarle via.

Cosa fate con i giocattoli che riparate?

Pedro: Li diamo a diversi gruppi, a volte direttamente ai bambini, come all'ospedale di Aveiro, a volte attraverso delle ONG, che evitano di farci incontrare direttamente i bambini per non sovraesporli. Quest'anno c'è stato un incendio vicino ad Aveiro e stiamo cercando di raggiungere le famiglie colpite, per vedere se i giocattoli possono essere utili per loro.

Miguel: Sebbene siamo locati all'università di Aveiro, i giocattoli rotti ci vengono donati da diverse parti del Portogallo. L'anno scorso la cosa è veramente esplosa. Abbiamo raccontato il nostro progetto al giornale universitario che ha condiviso la nostra storia con altri media. All'improvviso abbiamo iniziato a ricevere molte chiamate con richieste di interviste.

Pedro: Già dopo quattro settimane di attività siamo stati raggiunti dalla TV e dalle radio nazionali.

Wow! Siete stati dei razzi. E come mai avete deciso di fare questa cosa?

Miguel: Sono uno scout da 16 anni. È bello aiutare gli altri.

Pedro: Mi piace costruire cose e riparare. E mi piace se qualcuno può apprezzare la cosa. Ho sempre avuto giocattoli con cui giocare da bambino, ma non è così per tutti. Condividere può essere veramente emozionante. L'anno scorso abbiamo donato 250 giocattoli riparati.

Quale sarà il prossimo passo?

Miguel: Vogliamo sicuramente continuare, l'università adora questo progetto e ci sostiene pienamente. Quest'anno vogliamo rivolgerci agli studenti Erasmus, organizzare incontri in inglese. Cerchiamo di allargare il progetto.

Pedro: Vorrei diffondere l'idea ad altre università, non solo Share Toy Aveiro, ma anche Share Toy Porto, Lisbona, chissà forse un giorno arriveremo anche in altri paesi.

Che cosa vorreste dire a coloro che vogliono seguire il vostro esempio e diventare dei changemaker?

Miguel: Guardatevi intorno. Quando sei cosciente di ciò che ti circonda puoi cambiare le cose. Alcune persone preferiscono chiudere gli occhi e non vedere i problemi, non si rendono conto di quanto sia facile cambiare le cose.

Pedro: Non hai bisogno di nulla di speciale per fare la differenza. All'università facciamo molto lavoro solo per un voto o per rendere felice l'insegnante. Grazie a Share Toy rendiamo utili le nostre conoscenze: mentre impariamo aiutiamo la società, rendiamo felici i bambini, miglioriamo le cose, insegniamo agli studenti come riparare le proprie cose.



Update (7.12.2021):


Il team di Share Toy ha avuto la possibilità di distribuire alcuni giocattoli lo scorso Natale, nonostante la pandemia, ma non ha potuto fare una raccolta pubblica di giocattoli, come negli anni precedenti. Di conseguenza hanno avuto accesso solo ai giocattoli che non erano stati aggiustati nelle edizioni passate. Nonostante l'anno particolare, sono riusciti a rendere più felici alcuni bambini a Natale, e questo riempie i loro cuori. Sperano che quest'anno sia migliore e che possano riparare e donare più giocattoli!

Maggiori informazioni su Share Toy: facebook.com/sharetoyua

Powiązane posty

Zobacz wszystkie

RELATED | POWIĄZANE

 
Domain: exchangetheworld.info Token: 8f33766246f6a39ac26f12d885511de2616edb4d1c5396105cb312c07a5d1a5f