Imparare rigiocando


Imparare rigiocando

SHARE TOY

Aveiro | Portugal

Com'è partita la cosa?

Miguel: Share Toy è iniziata circa un anno fa.

Pedro: Avevo dei giocattoli rotti e ho proposto ad alcune persone di ripararli insieme. Abbiamo deciso di abbinare il volontariato con le conoscenze tecniche che stiamo acquisendo durante i corsi universitari.

Miguel: Da allora ci incontriamo ogni mercoledì per 5-6 ore per riparare giocattoli attraverso la stampa 3D, rammendarli, pulirli, mettere insieme le parti elettroniche, ecc.

Pedro: Non si tratta solo dei giocattoli, ma anche di sviluppare le nostre capacità; si tratta dell'ambiente, di mostrare alle persone che possono riparare le cose invece di buttarle via.

Cosa fate con i giocattoli che riparate?

Pedro: Li diamo a diversi gruppi, a volte direttamente ai bambini, come all'ospedale di Aveiro, a volte attraverso delle ONG, che evitano di farci incontrare direttamente i bambini per non sovraesporli. Quest'anno c'è stato un incendio vicino ad Aveiro e stiamo cercando di raggiungere le famiglie colpite, per vedere se i giocattoli possono essere utili per loro.

Miguel: Sebbene siamo locati all'università di Aveiro, i giocattoli rotti ci vengono donati da diverse parti del Portogallo. L'anno scorso la cosa è veramente esplosa. Abbiamo raccontato il nostro progetto al giornale universitario che ha condiviso la nostra storia con altri media. All'improvviso abbiamo iniziato a ricevere molte chiamate con richieste di interviste.

Pedro: Già dopo quattro settimane di attività siamo stati raggiunti dalla TV e dalle radio nazionali.

Wow! Siete stati dei razzi. E come mai avete deciso di fare questa cosa?

Miguel: Sono uno scout da 16 anni. È bello aiutare gli altri.

Pedro: Mi piace costruire cose e riparare. E mi piace se qualcuno può apprezzare la cosa. Ho sempre avuto giocattoli con cui giocare da bambino, ma non è così per tutti. Condividere può essere veramente emozionante. L'anno scorso abbiamo donato 250 giocattoli riparati.

Quale sarà il prossimo passo?

Miguel: Vogliamo sicuramente continuare, l'università adora questo progetto e ci sostiene pienamente. Quest'anno vogliamo rivolgerci agli studenti Erasmus, organizzare incontri in inglese. Cerchiamo di allargare il progetto.

Pedro: Vorrei diffondere l'idea ad altre università, non solo Share Toy Aveiro, ma anche Share Toy Porto, Lisbona, chissà forse un giorno arriveremo anche in altri paesi.

Che cosa vorreste dire a coloro che vogliono seguire il vostro esempio e diventare dei changemaker?

Miguel: Guardatevi intorno. Quando sei cosciente di ciò che ti circonda puoi cambiare le cose. Alcune persone preferiscono chiudere gli occhi e non vedere i problemi, non si rendono conto di quanto sia facile cambiare le cose.

Pedro: Non hai bisogno di nulla di speciale per fare la differenza. All'università facciamo molto lavoro solo per un voto o per rendere felice l'insegnante. Grazie a Share Toy rendiamo utili le nostre conoscenze: mentre impariamo aiutiamo la società, rendiamo felici i bambini, miglioriamo le cose, insegniamo agli studenti come riparare le proprie cose.

Maggiori informazioni su Share Toy: facebook.com/sharetoyua

RELATED | POWIĄZANE

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon

We are Anna and Andrea, a Polish-Italian couple traveling around the world. We are looking for changemakers,  in order to describe and share their stories.

Our journey is based on exchange: story telling and other skills in exchange for a place to sleep and food. 
 

Join the GoodNewsLetter

Domain: exchangetheworld.info Token: 8f33766246f6a39ac26f12d885511de2616edb4d1c5396105cb312c07a5d1a5f