Rendere la sostenibilità digeribile

November 14, 2017

Rendere la sostenibilità digeribile

FOODWAYS

Bern | Svizzera

Ho sempre voluto lasciare il Portogallo, viaggiare, imparare cose nuove, incontrare nuova gente - racconta Joao Almeida, fondatore di Foodways -. Quando ho iniziato a studiare ho pensato all’Erasmus. Sono finito in Svizzera. Mi è piaciuto molto, ho incontrato persone interessanti, che conoscono tante cose su tanti argomenti, parlano di politica, fanno un sacco di volontariato. E’ li che ho incontrato mia moglie. Dopo aver terminato gli studi di economia in Portogallo, sono tornato in Svizzera per studiare sostenibilità e scrivere la mia tesi sugli sprechi alimentari.

 

Dopo la tesi Joao è diventato abbastanza noto, essendo stato invitato in vari programmi televisivi e sui giornali, riconosciuto come esperto nel campo. Cosi ha deciso di usare il momento per creare qualcosa di più grande.

 

In realtà prima di iniziare i miei studi non sapevo molto sullo spreco alimentare. Lavoravo in una grande azienda e solo lì ho scoperto che l'80% di tutto il cibo che mangiamo si basa su 4 colture: riso, mais, grano e soia. L’80%?!? Ho iniziato ad interessarmi al cibo e con il tempo anche allo spreco alimentare. È una cosa enorme con un grande impatto sulla società, sull'ambiente, sull'economia ... Mangiamo dalle tre alle cinque volte al giorno e nessuno parla dei problemi alimentari! Dopo aver terminato la mia tesi, stavo cercando un lavoro. Due settimane prima era nata mia figlia, avevo necessità di iniziare a guadagnare. Martina, la mia compagna, era disoccupata. Tutti mi dicevano: devi andare a lavorare da qualche parte, un ristorante, ovunque. Ma pensavo: se ora, con la bambina, comincio a fare un lavoro qualsiasi non tornerò mai più a fare quello che voglio veramente. Ho combattuto molto con me stesso e con le molte critiche. Uno dei miei colleghi d’università era interessato all'argomento e abbiamo deciso di fare qualcosa insieme, concentrandoci su cibo, sostenibilità e, soprattutto, riduzione di sprechi alimentari.

 

Hanno iniziato con conferenze e workshop, hanno creato esposizioni con cui hanno girato la Svizzera. Con il tempo hanno iniziato a concentrarsi maggiormente sulla consulenza e sui servizi, lavorano con aziende e con il governo svizzero, creando per loro strategie di sviluppo. E fanno corsi ai cuochi per insegnar loro come ridurre lo spreco di cibo.

 

I cuochi sono motivati ​​a venire perché se c’è uno spreco significano che non sei efficiente. In realtà non diciamo direttamente alle persone qual è il nostro obiettivo, cerchiamo di semplificargli la vita insegnandogli abitudini che allo stesso tempo sono più sostenibili e migliori per il nostro pianeta. La stessa cosa succede con l'applicazione su cui sto lavorando ora. È un'app con ricette sostenibili ma la gente non se ne accorge nemmeno. L'idea è che vai sull'app, scrivi quello che hai nel frigo e ti vengono fuori una serie di ricette. Alla fine di ogni ricetta ci sono sempre consigli sullo spreco di cibo, su come conservare il cibo che sta andando male, su come usarlo il giorno dopo se non vuoi mangiare la stessa cosa, ecc. Prima di cercare la ricetta puoi inserire se sei vegano, flessitariano, se sei allergico o se non ti piace qualcosa, se hai figli o magari vuoi mangiare solo cibo di stagione. Quindi scrivi quello che hai nel tuo frigo. Diciamo: fagioli. Ti mostra i falafel come opzione, con verdure di stagione, ad esempio spinaci. Se non ti piacciono gli spinaci, l'applicazione ti suggerirà altre alternative.

 

L'app è il risultato di un processo lungo un anno durante il quale il team di Foodways ha cercato di capire cosa fa si che la gente mangi in modo sostenibile. Si sono resi conto che le persone non sono contrarie al mangiare in modo sostenibile, ma non sono neanche abbastanza motivate da pensarci su base giornaliera. Utilizzando l'applicazione, senza nemmeno rendersene conto, le persone applicano regole di base come mangiare verdure di stagione o ridurre la carne.

 

La carne - anche se marchi che sei carnivoro - appare solo in una ricetta su cinque. Non diciamo che siamo un’app vegetariana, se no la gente non la userebbe. Alle persone non piace sentirsi dire di mangiare meno carne. Ma se gli diamo una ricetta interessante e facile da eseguire senza carne, la maggior parte di loro la prepara. Cerchiamo di rendere la sostenibilità parte della loro vita quotidiana. Dobbiamo cambiare il modo in cui comunichiamo e parliamo di sostenibilità. Non può essere una nicchia, qualcosa che fanno solo gli hippy. Cerchiamo di rendere la sostenibilità digeribile.

 

La sostenibilità non dovrebbe essere un concetto limitato al cibo, ma un approccio a tutto ciò che concerne la nostra vita. Può anche essere una buona occasione per creare un'attività finanziariamente stabile.

 

La gente mi chiede se ho un altro lavoro per pagare le bollette. No, anche se combinare impatto sociale e business non è affatto facile. Penso che ce la stiamo facendo perché abbiamo iniziato a guardare a questo argomento da una prospettiva diversa. Ad esempio, ci chiedevamo come portare i cuochi alle nostre lezioni di cucina. Non gli abbiamo detto: ascolta, il clima cambia e lo spreco di cibo contribuisce per il 50%. A loro non importa. Abbiamo detto: puoi risparmiare il 10% riducendo gli sprechi alimentari! Cosi hanno iniziato ad interessarsi. Alla fine ciò che insegniamo è sempre lo stesso. La ricetta del nostro successo è raccontare la storia in modo diverso a diversi gruppi di riferimento.

 

Al giorno d’oggi, la narrazione è parte cruciale di qualsiasi progetto. La storia di Foodways si snoda sulla riduzione dello spreco di cibo, ma non sul riutilizzo di ciò che è già sprecato. E questa è una notevole differenza.

 

Non lavoriamo sulla ridistribuzione degli sprechi alimentari. Lo considero un compito importante, ma non una soluzione. Non dovremmo avere eccessi alimentari. E non dovremmo basare l'aiuto alle persone bisognose sui rifiuti alimentari. Queste dovrebbero avere scelta e accesso a cibo buono. Quando le persone bisognose ricevono cibo grazie alla ridistribuzione, a volte capita che mangino per cinque giorni consecutivi la stessa torta e nient'altro. È realmente una soluzione? Ovviamente è giusto ridistribuire lo spreco alimentare, ma dovrebbe essere un’eccezione, non una cosa strutturale. Riduciamo gli sprechi e aumentiamo il reddito delle persone in modo da offrir loro scelte reali.

 

Come farlo?

 

Secondo la mia esperienza la cosa più cruciale è la voglia di imparare. Quando apri un’azienda devi fare molte cose ed essere desideroso di imparare. Inoltre, hai bisogno di passione. Se hai passione, voglia di imparare, riesci a trovare il tempo - dandogli la priorità -, puoi motivare le persone intorno a te. Molti mi dicono che vogliono iniziare ma non hanno niente. Hanno più di quanto pensano! Prima di tutto – una rete. Qualcuno tra i tuoi conoscenti può aiutarti con la contabilità. O con il logo. Se vuoi fare qualcosa di buono, soprattutto se sei all'inizio, tutti vogliono aiutarti. Inizia a fare. Non aspettare il prossimo anno. Fallo adesso. Prendi un foglio, fai una lista. Vuoi creare una scuola? Inizia da una classe domattina. Se unisci l'iniziativa alla passione, tutto può succedere.

Maggiori informazioni su Foodways: foodways.ch 

 

Share on Facebook
Please reload

RELATED | POWIĄZANE

Please reload

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon

YouTube

We are Anna and Andrea, a Polish-Italian couple traveling around the world. We are looking for changemakers,  in order to describe and share their stories.

Our journey is based on exchange: story telling and other skills in exchange for a place to sleep and food. 
 

Join the GoodNewsLetter