Cosa bolle in pentola?

February 12, 2018

Cosa bolle in pentola?

De la Olla

Buenos Aires | Argentina

Abbiamo incontrato Andrea e suo marito al Café Tortoni, la caffetteria più iconica di Buenos Aires. In questo scenario fin de siecle siamo venuti a conoscere la sua storia di changemaker.

 

Amo la natura e amo cucinare - racconta Andrea, fondatrice di De la Olla -. Inoltre ho sempre sognato di offrire opportunità alle persone con disabilità. Ho convissuto tutta la mia vita con una disabilità. Nel mio lavoro di consulente sono venuta a contatto con molte persone in una situazione simile. Alcuni anni fa ho creato un nuovo modello di business che include tutti i miei sogni: cucina, natura e persone con disabilità.

 

De la Olla [La pentola] è una società di catering che offre cibo sano alla gente di Buenos Aires.

 

Cucino e propongo pasti settimanali su richiesta. Questo mi consente di comprare solo e soltanto il cibo di cui ho bisogno, non vogliamo sprecare cibo. Amo la cucina mediterranea: mia madre mi ha insegnato come cucinare cibo italiano; il mio nonno libanese mi ha parlato del cibo arabo; durante i nostri viaggi ho scoperto la cucina nordafricana. Gli ingredienti di base nei paesi mediterranei sono simili, anche se ogni paese ha le sue peculiarità.

 

Andrea usa poco sale e cerca di mantenere il cibo il più sano possibile, dimostrando che un piatto salutare non significa necessariamente mangiare insalata. Pasta, carne … tutto può andare bene per il tuo corpo, purché sia bilanciato.

 

Offro cibo con apporto calorico basso pescando tra le ricette tradizionali. Ci sono un sacco di falsi miti a proposito del cibo sano. Ad esempio, molta gente pensa solo al cibo vegano come sano. Per noi sano include la carne di animali allevati in modo etico e biologico. Qui i produttori usano molti prodotti chimici, gli animali sono chiusi in gabbia, soffrono, loro per primi non mangiano bene. Il nostro cibo sano non include carne come questa, solo ingredienti buoni.

 

Oltre all'impatto sulla salute delle persone, De la Olla si preoccupa anche dell'ambiente.

 

Ricicliamo i rifiuti organici, li usiamo nel nostro giardino. Ricicliamo plastica e vetro. Incoraggiamo i clienti a utilizzare imballaggi riutilizzabili, gli serviamo il cibo li e con l'ordine successivo ce li restituiscono. Un'altro lato del nostro impatto è sociale: assumiamo persone con disabilità. Lavoriamo con le ONG che hanno contatti diretti con queste persone e diciamo loro ciò di cui abbiamo bisogno. Ci focalizziamo sulle capacità delle persone che lavorano con noi. Non importa se hanno disabilità fisiche o intellettive purché abbiano le competenze necessarie per cucinare i nostri prodotti. Qualche tempo fa avevamo un cieco con noi. Lavorava fianco a fianco con un altro con disabilità mentale. Il cieco aveva un buon senso per gli odori, l’altro no, ma aveva abilità diverse, si completavano molto bene. Qualche tempo fa il cieco ha trovato un altro lavoro e siamo molto felici per lui. Ora abbiamo assunto due ragazzi con disabilità mentali. Uno di questi è molto ben organizzato, ha un buon olfatto, avvisa sempre gli altri, ad esempio se c’é del cibo che si sta bruciando. Posso contare su di loro, cucinano bene e io posso concentrarmi su altri aspetti dell’attività.

 

Il prossimo passo, e sfida, sarà ingrandirsi.

 

Sogno di avere una cucina grande, con un sacco di persone con disabilità che lavorano al suo interno. Sebbene crescere non sia così facile, la gente ancora non apprezza molto il cibo naturale. Ma fin dall'inizio sapevamo che ci sarebbero stati alti e bassi. Crediamo nella nostra proposta, pensiamo che sia un bene per noi, per gli altri, per l'ambiente. E ci godiamo il viaggio.

Maggiori informazioni su De la Olla: delaolla.com.ar 

 

Share on Facebook
Please reload

RELATED | POWIĄZANE

Please reload

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon

YouTube

We are Anna and Andrea, a Polish-Italian couple traveling around the world. We are looking for changemakers,  in order to describe and share their stories.

Our journey is based on exchange: story telling and other skills in exchange for a place to sleep and food. 
 

Join the GoodNewsLetter