Consapevolezza

June 14, 2019

Consapevolezza ... oggi un concetto abbastanza alla moda. Ma cosa significa in realtà?

 

Per me consapevolezza significa essere pienamente presenti. Qui e ora. Ascoltare, vedere, percepire il mondo così com'è. Essere in un continuo divenire, in cui nient'altro che questo stesso momento conta davvero. Consapevolezza significa per me essere cosciente, ad un livello molto profondo. Consapevole di me stessa, delle persone intorno, della natura, del mondo e della vita stessa.

 

Ho compreso la consapevolezza con piccoli passi fatti per lo più durante i nostri viaggi in giro per il mondo. Lasciando l'Europa quasi quattro anni fa, sapevo già che c'è altro oltre la razionalità per capire la vita, ho avuto una prima forte esperienza dell'essere qui e ora (pochi mesi prima durante un training interpersonale), ero cosciente che se avessi voluto comprendere meglio, avrei avuto bisogno di qualcosa di più di ciò che avevo provato prima. E ne avevo provate parecchie, ho sperimentato diversi percorsi di coaching, ho partecipato a svariati corsi, training ed eventi  importanti ed arricchenti, ho fatto alcune volte il Cammino di Santiago, ecc.

 

Abbiamo iniziato il nostro viaggio nel 2015 dal Sud-Est asiatico sperando di scoprire il mondo da una prospettiva diversa. E non siamo rimasti delusi. Abbiamo imparato molto sul buddismo, abbiamo visitato diversi centri di meditazione, abbiamo fatto il Vipassana – un corso di meditazione di 10 giorni (di cui abbiamo scritto in questo post). Abbiamo iniziato a capire cosa potrebbe essere la consapevolezza, realizzando il potere delle emozioni, l'essere presenti, la connessione con le persone e la natura.

 

Ma per me personalmente il cambiamento più grande è arrivato in Sud America. E li che, nel mezzo della steppa della Patagonia, nelle montagne boliviane, nel deserto di Atacama, ho sentito un legame indissolubile, davvero forte con il mondo e la natura. Ho iniziato a capire cosa significa essere un tutt'uno. La mia voce trema ancora mentre racconto ad altri della cerimonia del nuovo anno Aymara a Tiwanaku, assorbendo l'energia del sole nascente, o dell'incredibile connessione che sento con la Valle Sacra in Perù, l'unico posto in cui potrei immaginare di vivere stabilmente. Durante l'anno che abbiamo passato in Sud America abbiamo visitato diversi centri spirituali, abbiamo provato alcune cerimonie, abbiamo discusso con diversi sciamani cercando di comprendere meglio le nostre stesse convinzioni.

 

È così che ho imparato cos'è la consapevolezza. Cosa significa l'unicità. Come tutto è connesso.

 

Sono tornata in Europa con un forte desiderio di condividere tutto ciò. E con meno di un briciolo di idea su come farlo. Come tradurre tutte queste esperienze in parole, in workshop, presentazioni, corsi di formazione? Ci ho provato, ma per ragioni diverse non ha funzionato. Ho capito che avevo bisogno di più fiducia, avevo bisogno di vedere come altri educatori insegnano la consapevolezza per trovare la mia strada. Ecco perché mi sono iscritta al MoMint - un training sulla consapevolezza organizzato dall'Erasmus+. Sono rimasta un po' delusa quando ho saputo che non ero stata accettata, sebbene mi fosse stata assegnata la prima posizione nella lista d'attesa. Ma non ho perso la speranza. Sapevo che se era scritto che dovevo andare, sarei andata. Due giorni dopo ho ricevuto l'e-mail: sei fortunata, qualcuno si è cancellato e tu puoi prendere il suo posto.

 

Sono tornata in Polonia 36 ore prima di partire per il MoMint. Giusto il tempo per lavare i vestiti, disfare e rifare lo zaino, prepararsi. Sono arrivata nel bel mezzo della notte nell'appartamento, nessuno avrebbe dovuto essere in casa. Ma la porta era aperta.

 

Sento il mio corpo reagire mentre scrivo queste parole. È incredibile quanto il corpo ricordi. I miei muscoli sono di nuovo rigidi, il mio respiro è corto, le mani iniziano a tremare. Anche se sono passate già più di tre settimane.

 

C'è stato un furto. Tutta la casa era completamente sotto sopra. Qualcuno è entrato nell'appartamento e ha aperto ogni singolo scaffale, armadio, ogni singola scatola. Tutte le nostre cose erano state scaraventate nel mezzo, in completo disordine.

 

Non sapevo cosa fare. Per un momento tutto si è fermato. È la casa di mia madre e un furto è una cosa di cui ha sempre avuto paura.

 

L'ho chiamata.

 

Poi ho chiamato la polizia. Sono arrivati 30 minuti dopo, incasinando ancora di più con la polvere per le impronte e raccontandomi un sacco di cose di cui non avevo idea.

 

Non esiste una serratura comune che non possa essere aperta nel giro di 10 minuti.

 

Di solito prendono solo denaro e gioielli, cose che possono stare in una tasca (i nostri ladri dovevano essere disperati, hanno anche preso alcune attrezzature e 3 bottiglie di vodka).

 

In realtà non hanno nemmeno rubato molto, perché non c'era molto da rubare. Non molte cose con valore economico, almeno. Anche se diverse con un valore affettivo.

 

Credo che la cosa peggiore sia il casino. E il senso di sicurezza completamente in frantumi. Questa sensazione che chiunque possa entrare in casa tua, prendere le tue cose, aprire tutte le tue borse e armadi ... non è facile.

 

Avevo 36 ore prima del pullman per il training e non avevo idea se avessi potuto prenderlo. Dovevo discutere con la polizia e aspettare mia madre, che è arrivata 18 ore dopo.

 

Alla fine ho deciso di andare, senza sapere se sarebbe stata la scelta migliore.

 

Lo è stata.

 

Ho incontrato trainer incredibili, che mi hanno insegnato di più sulla consapevolezza col loro modo di essere che con qualsiasi esercizio. Ho acquisito esperienza e fiducia che mi aiutano ad includere la consapevolezza nel mio lavoro di trainer. Ho avuto momenti intensi con il gruppo e con me stessa in cui nulla al di là di quel momento contava. Sono andata molto al di là dei miei limiti personali, specialmente nell'area del contatto fisico, che da molti anni è sempre stata una vera sfida per me. Ho capito quanto possa essere importante il tatto, ho sperimentato il contatto al di fuori del contesto sessuale, costruendo delle relazioni molto forti con le altre persone in un modo molto più veloce e profondo. Mi sono aperta a nuove esperienze e ho lasciato andare le cose.

Non ci sono parole per esprimere la mia gratitudine ai trainer, ma anche a ogni singolo partecipante: ognuno di voi mi ha insegnato tanto sulla consapevolezza e sulla vita stessa.

 

Grazie e spero di incontrarvi di nuovo, da qualche parte nel mondo.

 

 

Share on Facebook
Please reload

RELATED | POWIĄZANE

Please reload

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon

YouTube

We are Anna and Andrea, a Polish-Italian couple traveling around the world. We are looking for changemakers,  in order to describe and share their stories.

Our journey is based on exchange: story telling and other skills in exchange for a place to sleep and food. 
 

Join the GoodNewsLetter