Tra donne

 

Tra donne

WARMIPURA

Sacred Valley| Peru

Alcuni anni fa ho terminato l'università di legge a Lima. Sono andata lì pensando di poter cambiare le regole, di poter renderle più eque. Ho lavorato per 6 anni alla corte costituzionale peruviana come consigliere cercando di indicare una via diversa, ma non ha mai funzionato. Anche se avessi fatto delle bellissime proposte sui diritti delle comunità indigene, un documento elaborato con molte idee, non l'avrebbero firmato, non l'avrebbero nemmeno letto con attenzione. Dopo 6 anni di tentativi ho rinunciato. Ho iniziato a esplorare, ho iniziato a collaborare con alcune ONG, ma non mi piaceva molto il loro modo di fare le cose. Poi ho viaggiato per due anni e quando sono tornata in Perù mi sono trasferita nella Valle Sacra. Ero su un percorso di risveglio interiore, cercavo il modo in cui avrei potuto usare le mie capacità in modo più significativo.


Un giorno stavo facendo un'escursione nelle montagne intorno alla Valle Sacra e ho incontrato un gruppo di donne di una tribù locale. Nessuna di loro parlava spagnolo, il quechua è la loro lingua. Mi hanno chiesto con un gesto di lasciare il mio numero di telefono. Dopo qualche giorno la loro capa, che parlava spagnolo, mi ha chiamato. Voleva incontrarsi e fare qualcosa insieme. Sono tornata da loro e lei mi ha spiegato cosa producono: creano bellissimi tessuti, vestiti pieni di colori e significati. Avevano bisogno di una mano per raggiungere le persone, i potenziali clienti. A volte andavano a Cusco per vendere, ma la verità è che non hanno il business nel sangue, non fa parte della loro cultura. In quechua non esistono nemmeno parole come budget, reddito o affari. Non sapevano come vendere, come calcolare il prezzo. Ma sapevano come realizzare prodotti davvero unici.


Io e altre tre amiche ci siamo tuffate in quest'avventura. Abbiamo cercato di capire cosa potevamo fare. La prima cosa di cui avevano bisogno era di lavorare, quindi abbiamo deciso di unire tutte le nostre competenze e creare un business sostenibile che potesse essere redditizio e prendersi cura delle persone coinvolte. L'abbiamo chiamato Warmipura. Questo è stato il primo passo. Non aveva senso arrivare li con un programma educativo fin da subito, perché dovevano prima riempirsi lo stomaco.


Abbiamo iniziato con prodotti che non avrebbero cambiato troppo il loro design. Possiamo cambiare un po' i colori per adattarci alle esigenze di mercato, ma non i modelli stessi. Non vogliamo che dimentichino il loro modo tradizionale di fare le cose, non vogliamo che diventino bassa manovalanza. I loro tessuti sono molto speciali, raccontano letteralmente la storia della loro vita, ogni simbolo ha un significato particolare.

 

Abbiamo coinvolto sempre più persone: designer, networker. Lavoriamo con le donne, in Perù c'è ancora l' idea che sia meglio lavorare con gli uomini. Pochi giorni fa siamo stati invitati a una fiera a Lima. È a 1000 km da qui, nessuna di queste donne ha mai pensato di andare tanto lontano. È una fiera di prodotti sostenibili e socialmente responsabili, mi sono offerta volontaria per aiutarli nelle questioni legali e mi hanno dato in cambio uno stand gratuito per Warmipura. Stiamo andando al villaggio per decidere insieme chi verrà, come organizzare il lavoro, cosa portare, pianificare un po' per provare a dare alla gente di Lima un'esperienza completa su come viene prodotto un pezzo di tessuto, dal tagliare la lana dell'animale fino a quando diventa un'opera d'arte. Un pezzo richiede a volte tre mesi di lavoro! Tutto è fatto in modo naturale, in piena armonia. Lavorano come una comunità. Tutti sanno cosa fare. Se una arriva tardi per l'incontro magari inizia a cucinare per gli altri, o a prendersi cura dei bambini. Tutto si basa sullo scambio, sulla reciprocità. Se devo costruire una casa, tutta la comunità verrà ad aiutarmi, perché la prossima volta che costruirai la tua casa, la comunità verrà ad aiutare te. Ora le cose hanno iniziato a cambiare, gli uomini sono stati costretti a cercare lavoro all'esterno, molti di loro cercano di farsi assumere come portatori lungo il sentiero Inca verso Machu Picchu. Rimangono fuori dal villaggio per la maggior parte del tempo, le donne hanno dovuto assumersi tutte le responsabilità: si occupano di piante, animali, bambini, della casa. Hanno meno tempo per lavorare a maglia.


Un'altra sfida è la comunicazione, a diversi livelli. Anche tra noi stesse, le fondatrici. Poi, le donne con cui lavoriamo parlano quechua, noi parliamo spagnolo. Sappiamo che dobbiamo imparare la loro lingua, se vogliamo capirle meglio. E sicuramente una parte dell'educazione è quella di fornire loro lezioni di spagnolo. Per ora spieghiamo loro il commercio con immagini, infografica. Cerchiamo di co-creare, senza alcuna gerarchia. Non vogliamo seguire gli schemi patriarcali.


L'idea non è solo quella di creare un business sostenibile, ma una rete di donne, in tutto il mondo, che possano sostenersi a vicenda. Warmipura significa "entre mujeres", tra donne, in quechua.


Quello che facciamo è solo una piccola cosa, una goccia nell'oceano. Ma l'oceano è fatto da queste gocce. A volte non ci si prova nemmeno, perché non si vedono i risultati. Dobbiamo lasciare andare i risultati. Possiamo piantare semi, tutti possono piantare semi. Inizia, con qualsiasi azione tu possa fare per un mondo migliore. Stando insieme e lavorando insieme in armonia per uno scopo superiore. Qualche seme crescerà di sicuro.
 

Maggiori informazioni su Warmipura: facebook.com/warmipuraperu

Share on Facebook
Please reload

RELATED | POWIĄZANE

Please reload

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon

We are Anna and Andrea, a Polish-Italian couple traveling around the world. We are looking for changemakers,  in order to describe and share their stories.

Our journey is based on exchange: story telling and other skills in exchange for a place to sleep and food. 
 

Join the GoodNewsLetter