Essere vulnerabile


Un anno dopo il nostro primo Camino insieme (e il mio terzo in generale), raccontato nell'ultima #MileStoneExperience, abbiamo deciso di ripartire, questa volta verso Roma. Per rendere il viaggio un po' più complicato (ed eccitante ;) ), siamo partiti da Fano, da casa di Andrea, a 330 km dalla capitale. Abbiamo semplicemente chiuso la porta e iniziato a camminare. Come puoi immaginare non esiste un percorso ufficiale tra questi due punti, né frecce gialle, né conchiglie che indicano la strada, né alberghi per i pellegrini. Tutte le strade portano a Roma, così anche Fano aveva la sua bella via consolare, costruita attorno al 220 a.C. (via Flaminia), che un tempo collegava le due città. Ma ora non c'è un tracciato segnalato, a parte strade molto congestionate. Abbiamo dovuto inventarci il percorso, abbiamo dovuto bussare alle porte di chiese e conventi per trovare un posto dove stare per la notte, abbiamo dovuto chiedere aiuto alla gente. E non ci sono molte cose nella vita che sono più difficili di questa: essere vulnerabili, chiedere aiuto e lasciare che il mondo ti guidi. A volte ci sbagliavamo e dovevamo tornare indietro di qualche chilometro, visto che evitavamo di percorrere le strade principali. A volte stavamo in tenda, ma di tanto in tanto avevamo bisogno di una doccia o almeno di una fonte d'acqua. Negli 11 giorni di cammino, è accaduto solo due volte che un prete o una suora si siano rifiutati. All'inizio erano sospettosi a volte, pensando ad esempio che volevamo soldi o che non avevano un posto appropriato, ma una volta spiegato che andavamo a Roma la maggior parte di loro ha aperto i loro cuori e le loro porte. Il primo "No" non ci ha dato grossi pensieri, c'erano altre chiese in paese; il secondo è arrivato in un momento di crisi, eravamo stanchi, sporchi e piuttosto disperati, perché non c'erano altre opzioni a portata di mano. Non volevo farlo, ma a un certo punto ho iniziato a piangere di fronte alla chiesa, semplicemente per la stanchezza. Sapevo che in un modo o nell'altro ce la saremmo cavata, ma in quel momento c'erano troppe emozioni dentro di me e avevo bisogno di sfogarle. Sai, c'è un momento di stanchezza, sia fisica che emotiva, in cui non c'è niente da fare, inizi a piangere ovunque tu sia, anche se ci sono molte persone intorno. E quelle persone alla fine hanno convinto il prete a lasciarci entrare per una notte. Ci ha fatto dormire sul pavimento polveroso di un'aula con accesso a un lavabo, ed era tutto ciò di cui avevamo bisogno. Questo Cammino è stato una lezione cruciale per noi prima di iniziare a girare il mondo. Per viaggiare come facciamo noi, immergendoci completamente in una cultura, stando con la gente del posto, non c'è modo di farlo senza rinunciare a quel senso di controllo. Ed è difficile, ogni volta che iniziamo un nuovo viaggio dobbiamo apprenderlo da capo. Lasciare che le cose succedano e fidarsi del fato. Essere vulnerabile. Non è facile. Ma ne vale sicuramente la pena.

RELATED | POWIĄZANE

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon

We are Anna and Andrea, a Polish-Italian couple traveling around the world. We are looking for changemakers,  in order to describe and share their stories.

Our journey is based on exchange: story telling and other skills in exchange for a place to sleep and food. 
 

Join the GoodNewsLetter

Domain: exchangetheworld.info Token: 8f33766246f6a39ac26f12d885511de2616edb4d1c5396105cb312c07a5d1a5f