Carta dalla cacca

 

Carta dalla cacca

ECO MAXIMUS

Colombo | Sri Lanka

Carta dallo sterco di elefante ... come t'è venuto in mente?

 

Thusitha Ranasinghe: La mia famiglia aveva una tipografia. Nel 1997 ho deciso di provare qualcosa di nuovo e mi sono interessato al riciclaggio della carta. Abbiamo iniziato a usare banane e altre fibre disponibili nelle vicinanze. L'idea originale dello sterco di elefante viene dall'Africa, mi ha ispirato a provare. Siamo stati i primi a produrre commercialmente carta dallo sterco di elefante. Non è stato facile, tempo fa non c'era molto clamore attorno alla conservazione dell'ambiente; anzi, spesso posti come i supermercati in Inghilterra ci richiedevano specificatamente di produrre completamente da pasta vergine, non volevano materiali di riciclo nelle loro confezioni.

 

La gente ti avrà dato del pazzo...

 

Certo, i miei genitori non ci credevano assolutamente. Mia sorella si, abbiamo iniziato insieme a lei e due amici. Il nostro obiettivo era cercare di fare soldi facendo qualcosa di positivo per il pianeta e le persone. E alla fine ai nostri clienti è piaciuto. Ci siamo concentrati principalmente sulla carta artigianale, era qualcosa di nuovo, che ci ha permesso di personalizzare i prodotti. Con la carta fatta a mano lavori su piccole quantità, numeri limitati adattati alle esigenze del cliente. È davvero unico. Ma c'è da dire che la prima cosa che fanno la maggior parte delle persone quando vedono i nostri prodotti è ... annusarli.

 

Ma non c'è cattivo odore.

 

No. Nessun cattivo odore e tutto sommato molto buono per la comunità e per l'ambiente. Questo ci motiva ad andare avanti. Prendiamo rifiuti e creiamo bellissimi prodotti con gli artisti locali. Non utilizziamo materiale tossico nella nostra produzione. Abbiamo pannelli solari in fabbrica. Non usiamo il lavoro minorile. L'80% della nostra forza lavoro è costituita da donne. Assumiamo persone dal posto, la maggior parte di loro può venire a lavorare a piedi.

 

Vendete anche localmente?

 

Questo cambia nel tempo. All'inizio esportavamo molto, durante la guerra in Sri Lanka (NdR. Lungo conflitto civile terminato nel 2009) l'80% del nostro mercato era estero. Dopo la guerra la gente ha iniziato a venire, il turismo è aumentato, quindi siamo passati quasi interamente al mercato interno. Tutto cresceva rapidamente, abbiamo iniziato con 7 persone incluso me, ora ne abbiamo 150. Pochi anni fa, a causa delle bombe (NdR. Il cosiddetto Easter Bombing, una serie di attacchi terroristici coordinati che hanno ucciso 259 persone la domenica di Pasqua del 2019), il turismo è nuovamente diminuito, per alcuni mesi ho dovuto fare debiti per poter pagare gli stipendi. In futuro vogliamo bilanciare i mercati interni ed esteri.

 

Quali sono gli altri piani per il futuro?

 

Nel prossimo futuro ci concentreremo su un nuovo progetto con Tetra Pak. Ci hanno scelto come partner per il riciclaggio commerciale dei loro cartoni per evitare che vadano a finire in discarica. Per noi è importante, possiamo mescolare i cartoni con la nostra carta per renderla più resistente e migliorarne la qualità. Il cartone ha una fibra molto più forte.
Per quanto riguarda il lungo termine, una volta tornati alla stabilità finanziaria, vorremmo investire di più nella conservazione, piantando alberi. Stiamo cercando una ONG specializzata in questo campo con cui collaborare.

 

Collabori con ONG anche per ottenere lo sterco di elefante?

 

Lo prendiamo principalmente dagli orfanotrofi per elefanti. 12 elefanti producono circa 1 tonnellata di sterco ogni giorno, da cui possiamo ricavare 70.000 fogli. Direi che è abbastanza.

 

Come sono cambiate le cose da quando hai iniziato?

 

Innanzitutto il riciclaggio si è preso la scena. Le giovani generazioni sono più sensibili. Sono molto appassionate, coinvolte, vogliono riciclare, agiscono per l'ambiente. Ho due gemelle di 14 anni. Seguono i social media, la TV, sanno cosa succede nel mondo. Sono ispirate da Greta Thumberg e danno il 100% in quello che fanno. Sono le giovani generazioni che hanno portato il concetto di riciclaggio in Sri Lanka, 5 anni fa nessuno lo faceva. Questo dà al riciclaggio un grande futuro. Ci sono molte possibilità, anche commerciali.
 

Maggiori informazioni su Eco Maximus: https://www.ecomaximus.com

Share on Facebook
Please reload

RELATED | POWIĄZANE

Please reload

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon

We are Anna and Andrea, a Polish-Italian couple traveling around the world. We are looking for changemakers,  in order to describe and share their stories.

Our journey is based on exchange: story telling and other skills in exchange for a place to sleep and food. 
 

Join the GoodNewsLetter