Come avete iniziato?

 

 

#AskAQuestion. Oggi mettiamo insieme due domande: 1. Come avete iniziato? e 2. Prima di conoscervi, qualcuno di voi aveva in mente uno stile di vita nomade?

Per quanto riguarda Anna, ha sempre amato i cambiamenti e fare mille cose allo stesso tempo. Ha studiato tre corsi universitari contemporaneamente, mentre imparava due lingue e dava tutto il suo tempo libero agli scout, dove svolgeva tre diversi compiti. Ma fino ai suoi 25 anni è successo tutto in un unico posto, a Lodz - la sua città natale. Come abbiamo raccontato in una precedente #MileStoneExperience, le ci sono voluti alcuni anni per liberarsi da tutti gli impegni e poter partire per uno scambio Erasmus di un anno in Portogallo; quello doveva essere l'inizio di una nuova vita, aveva pianificato di sfruttare il fatto di non avere più responsabilità per iniziare a viaggiare per il mondo subito dopo l'Erasmus. Non c'era ancora un piano specifico, solo una forte pulsione. Ma, essendosi innamorata ,tutti gli avventurosi viaggi mille volte sognati sono stati cancellati. O - in effetti - rimandati.

Andrea, invece, stava già esplorando parecchio, ma in un modo diverso da quello che facciamo oggi - viveva in luoghi diversi per periodi di tempo relativamente lunghi: ha studiato 4 anni in Portogallo, vissuto alcuni mesi in Francia, in Corea del Sud , Inghilterra; anche nella stessa Italia ha trascorso molti anni a Bologna e uno a Verona, nessuna delle quali è la sua città natale.
In realtà siamo molto diversi da molti punti di vista. Andrea ha bisogno di un po' di tempo nello stesso posto per iniziare a sentircisi bene. Anna dopo un anno ha già dato e ha bisogno di un cambiamento. Andrea è molto più stabile: famiglia, lo stesso gruppo di amici, la comunità, i luoghi di incontro preferiti, dove le persone ti riconoscono e sanno cosa vuoi. Anna invece è dipendente ai cambiamenti, è come uno dei Vagabondi nel libro di Olga Tokarczuk. Anna prende le decisioni velocemente, ma cambia anche rapidamente idea. Andrea ha bisogno di tempo, ma una volta presa una strada, lo fa senza alcun dubbio o tentennamento. La stessa cosa è successa quando abbiamo deciso di abbandonare la stabilità e iniziare a viaggiare. Anna aveva già lo zaino in spalla nell'attimo esatto in cui l'idea le è venuta in mente, o piuttosto rivenuta in mente. Andrea ha avuto bisogno di qualche mese. Fortunatamente, non aveva ancora trovato la sua dimensione lavorativa, quindi è stato più facile smettere e partire. All'inizio pensavamo che avremmo viaggiato qualche anno. Per essere più precisi, Andrea pensava a un'annetto, Anna a tre. Quando Andrea ha iniziato ad accettare l'idea di tre anni, Anna era sui cinque. Quando Andrea si è reso conto che cinque anni erano un'opzione plausibile, Anna immaginava già una vita nomade come qualcosa che avrebbe potuto fare per il resto della sua vita.

Anna aveva già avuto alcune brevi esperienze con il couchsurfing, il volontariato, l'autostop. Per Andrea questo mondo era abbastanza nuovo. D'altra parte, era molto più preparato ad adattarsi alle nuove culture e trovarsi bene in qualsiasi posto nel mondo. Siamo fortunati ad avere capacità, attitudine, ma anche punti deboli molto diversi. Crediamo che nessuno di noi due sarebbe in grado di viaggiare per così tanto tempo da solo.

In sostanza, pensiamo che uno spirito nomade era già dentro ciascuno di noi prima che ci incontrassimo. Ma solo questo potpourri di abilità e amore ci ha consentito di risvegliarlo completamente. E una volta liberato .... una volta che inizi a viaggiare sul serio, in un certo senso non c'è modo di tornare indietro.

Non esitate a fare altre domande, commentando qui o con un messaggio privato! :)

 

Share on Facebook
Please reload

RELATED | POWIĄZANE

Please reload

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon

We are Anna and Andrea, a Polish-Italian couple traveling around the world. We are looking for changemakers,  in order to describe and share their stories.

Our journey is based on exchange: story telling and other skills in exchange for a place to sleep and food. 
 

Join the GoodNewsLetter