Differenze culturali

 

#OurRelations: Differenze culturali

Iniziamo la nostra nuova serie di post, incentrati sull'amore e le relazioni romantiche, da un argomento abbastanza ovvio ma piuttosto complesso, le differenze culturali. Anna è nata in Polonia, Andrea in Italia e sono due culture abbastanza diverse.
Partendo dagli stereotipi, in Polonia la puntualità è importante, mentre l'approccio italiano al tempo è, diciamo, un po' blandino. Va ricordato che non significa che tutti i polacchi siano puntuali e tutti gli italiani in ritardo, ma nel nostro caso ricadevamo appieno in questo stereotipo. Per i primi due anni abbiamo litigato spesso sugli orari. Per Anna essere puntuali è segno di rispetto, mentre Andrea non ci ha mai prestato troppa attenzione, dando più importanza a calma e flessibilità. Alla fine, entrambi ci siamo ammorbiditi un po', incontrandoci a metà strada, ma ci sono voluti tempo e nervi.
Un'altro stereotipo che si è rivelato vero nel nostro caso è l'approccio al cibo. Per Anna mangiare è qualcosa che fai per sopravvivere, per Andrea è uno dei momenti più importanti della giornata, è una fonte di piacere, pieno di dogmi e filosofie. Una volta, sempre in Portogallo, dove ci siamo incontrati, Anna ha aperto la credenza di Andrea e ci ha trovato dieci diversi tipi di pasta. Dieci tipi! In Polonia ne prendiamo uno e ci mettiamo sopra qualsiasi salsa, in Italia un cosa del genere sarebbe inaccettabile: ogni pasta ha il suo uso e ci sono "serie" ragioni perché sia cosi. Per saperne di più, puoi seguire i nostri post sull' #ItalianFood. Questa divergenza culturale è stata più facile da superare rispetto ad altre, Andrea ha semplicemente preso a carico la bega/gioia di cucinare. Il problema è venuto fuori quando abbiamo iniziato a trascorrere del tempo con la famiglia di Andrea, che in pratica mangia, cucina o parla di cibo, argomento su cui Anna non ha molto da dire.

Ma le differenze culturali vanno molto più in profondità di questi due semplici esempi. Ricordo che Andrea mi chiedeva spesso perché fossi così aggressiva e non riuscivo a capire cosa intendesse dire - non ero affatto aggressiva. Poi, ci siamo trasferiti in Polonia e ha scoperto che dal suo punto di vista tutti i polacchi sembrano aggressivi nel modo in cui parlano. Noi la chiameremmo schiettezza. Se non mi piace qualcosa, ne parlo direttamente, cosa che non accade in Italia, dove le persone girano attorno al problema, cercando di addolcire la pillola o rinunciano a parlarne direttamente. Spesso gli italiani indugiano in preamboli di cortesia, iniziando ogni conversazione con convenevoli, mentre in Polonia andiamo dritti al punto senza piroette di circostanza.

L'elenco delle differenze potrebbe continuare all'infinito, vorremmo piuttosto raccontare come le abbiamo affrontate. Prima di tutto, ci sono voluti degli anni per superare queste situazioni e, soprattutto, per capirle. Questo è il primo passo. Ciò che ci ha aiutato molto è stata la decisione di vivere in entrambi i paesi per almeno un anno, per capire la cultura, conoscere le persone e scoprire la loro routine quotidiana, imparare la lingua, ecc. Abbiamo iniziato con 1 anno in Italia, seguito da 1,5 anni in Polonia e questa per noi è stata una scelta cruciale. La seconda cosa è imparare ad apprezzare quelle differenze, non solo quelle culturali. Andrea non è puntuale, il che mi ha fatto impazzire per diversi anni, ma è anche molto più calmo ed equilibrato, mi ha insegnato molto su come rilassarmi e godermi le cose semplici della vita. Anna è diretta e molto rigida riguardo ai tempi o ai piani, ma grazie a questo è efficiente nel raggiungere gli obiettivi e nel costruire una comunicazione onesta. Le differenze possono essere un'enorme forza nella coppia e col tempo sono diventate qualcosa che apprezziamo profondamente. Come accennato in uno dei post #AskAQuestion, pensiamo che non saremmo mai stati in grado di viaggiare e continuare ExChange the World per così tanto tempo senza avere abilità, competenze e punti di forza diversi.

Detto questo, vale la pena menzionare che le differenze culturali non sono una prerogativa di coppie provenienti da paesi diversi. Essere nati nello stesso paese non significa che non ci sia diversità culturale. Provenire da contesti sociali o economici distinti, appartenere a diverse comunità, essere rurali o urbani, cresciuti come una ragazza o un ragazzo, queste sono tutte fonti di differenze culturali, forse anche più impegnative, perché più impalpabili. Prenditi il tuo tempo, osserva, capisci e apprezza - questo è ciò che alla fine ha funzionato per noi. E rendendoci conto che spesso focalizziamo la nostra attenzione sui contrasti, ma ci sono molte più cose che ci rendono simili di quelle che ci rendono diversi, e questo è vero per tutte le persone del mondo.

Share on Facebook
Please reload

RELATED | POWIĄZANE

Please reload

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon

We are Anna and Andrea, a Polish-Italian couple traveling around the world. We are looking for changemakers,  in order to describe and share their stories.

Our journey is based on exchange: story telling and other skills in exchange for a place to sleep and food. 
 

Join the GoodNewsLetter