Una lettera da Ceylon


Ciao,

hai già preso il tè oggi? Ti piace nero, verde o bianco? Ti limiti a versare acqua calda sulle foglie secche o segui attentamente uno specifico rituale per ottenerne il massimo della fragranza? Ti chiedi mai da dove viene il tè che compri, elegantemente confezionato in piccole bustine? In che modo è arrivato a te prima che, inondato di fluido bollente, ti aiuti a svegliarti, calmarti o scaldarti? Martin Luther King una volta disse che "prima di finire la colazione, siamo già dipesi da più della metà del mondo". Di solito al mattino mangio cereali con yogurt e una banana tagliata a fette, più caffèlatte e alcune noci. Quante di queste cose non sono state prodotte nel mio paese? E se non qui, dove le hanno fatte?

Oggi ti scrivo dallo Sri Lanka. Voglio raccontarti un'avventura piuttosto insolita che ci è capitata qui. Come probabilmente saprai, lo Sri Lanka (fino al 1972 chiamato Ceylon) è noto per la produzione di tè. Attualmente, circa un milione di persone lavorano direttamente o indirettamente in quella filiera! Questa piccola isola è il quarto produttore al mondo, subito dopo Cina, India e Kenya, producendo 350 tonnellate di tè all'anno. Sette volte meno che la Cina, anche se la proporzione cambia se consideriamo la produzione pro capite: la Cina genera 1,7 kg a persona, mentre lo Sri Lanka ... 16!

Lo so, lo so, i numeri sono difficili da immaginare. Ecco perché aggiungo che ovunque tu vada in Sri Lanka, puoi vedere piantagioni di tè. Si estendono in ogni direzione e ai turisti piace un sacco fotografare le onde verdi che i filari disegnano sulle colline, soprattutto dai finestrini dei treni affollati. La ferrovia più famosa va da Kendy a Ella, tanto battuta che i biglietti devono essere prenotati con diversi mesi di anticipo. Ma lascia che ti dica un segreto: quasi tutte le tratte che attraversano l'entroterra di questo paese sono altrettanto impressionanti. I cespugli di tè che si estendono a vista d'occhio mozzano il fiato e fanno dimenticare i problemi legati alla monocoltura: coltivare un solo tipo di pianta. E lo Sri Lanka ha già avuto l'opportunità di comprenderne le conseguenze.

Il tè di Cylon è un classico. Eppure, sapevi che la coltivazione di tè è relativamente recente in Sri Lanka? Fu avviata dallo scozzese James Taylor nel 1867. Il tè, come le colture precedenti, fu portato dai colonizzatori. È iniziato tutto con la cannella, prodotta sotto l'occupazione olandese, ma gli inglesi pensavano che la cannella non fosse redditizia e hanno iniziato a coltivare il caffè. Dopo diversi decenni, le colture furono attaccate da un fungo chiamato Hemileia vastatrix, che distrusse letteralmente tutta la produzione. A quel tempo, i cespugli di caffè coprivano la maggior parte dell'isola. Non inclini a imparare dai propri errori, gli inglesi hanno optato per un'altra monocultura. Dopo alcuni esperimenti con il cacao e la cinchona, sono passati al tè. Ciò significa che la produzione di tè in Sri Lanka è una questione di soli 150 anni ... eppure abbastanza per dominare non solo il paesaggio, il mercato del lavoro e la cultura, ma anche l'immagine stessa che il resto del mondo ha dello Sri Lanka. Visitare una piantagione di tè è un must per la maggior parte dei turisti. Avevamo anche noi un piano del genere: sognavamo di fare volontariato per una fattoria, in modo da capire bene come si produce il tè, ma anche di sentire sulle nostre spalle cosa significa raccogliere le foglie ora, dopo ora, dopo ora. Sfortunatamente, non abbiamo trovato opportunità di volontariato, ma grazie a couchsurfing.com, una piattaforma di scambio di ospitalità, abbiamo incontrato Michael, il proprietario di un'enorme piantagione di tè, che ci ha subito invitati a visitare la sua casa.

Siamo arrivati ​​la sera, troppo tardi per andare immediatamente a girovagare per la piantagione, così ci siamo riuniti tutti nella sua enorme casa, davanti a della birra e dell'Arrack (una specie di vodka distillata dalla linfa di fiori di cocco), per conoscerci meglio tra una chiacchierata e l'altra, cantando e suonando tamburi. Eravamo quattro viaggiatori e quattro amici di Michael, coinvolti in un modo o nell'altro nelle attività della fattoria. Inoltre, il cuoco e il manager delle piantagioni, entrambi sulla cinquantina, chiaramente di una classe diversa, il che in Sri Lanka è una cosa di un certo peso. Eppure sono trattati con grande rispetto, come fossero parte della famiglia. In Sri Lanka, come nella vicina India, il sistema di classi è rigido e persone di diversa estrazione non sono disposte a socializzare, hanno compiti diversi ed è improbabile che li scambino. È difficile vedere una persona della classe media che cucina o fa le pulizie. È ancora comune non solo mangiare separatamente, ma anche usare stoviglie separate. Ci sono tratti abbastanza nascosti, cose che non si notano a prima vista; Noi abbiamo soggiornato in diversi luoghi, sia qui che in India, e abbiamo cercato di fare domande e osservare pattern ma rimane per noi una questione complessa.

Alla fattoria di Michael, il cuoco non si è seduto a mangiare con noi, o almeno ha aspettato che tutti gli altri avessero finito, cosa più dovuta ad abitudini profondamente radicate piuttosto che alle aspettative di Michael. E va detto, il cibo era delizioso! Riso, ogni volta di diverso tipo, 2-3 portate di verdure piccanti stufate o soffritte, più un pezzo di carne, per i pochi che non sono vegetariani. La maggior parte delle persone mangia con le mani, le posate sono solo su richiesta. Devo ammettere che mi ci è voluto del tempo per convincermi a mangiare con le mani, mentre Andrea ha colto subito l'idea. Usare le mani ha una sua filosofia, una festa multisensoriale, che permette di incontrare la struttura e la consistenza del cibo prima di assaporarne l'odore e il gusto. Tuttavia, non è un'arte facile, soprattutto con il riso. Richiede una certa esperienza.

Prima, dopo e durante il pasto, il tè è sempre a portata di mano, preparato con le foglie della piantagione. Come abbiamo scoperto in una delle tante conversazioni serali, questa piantagione apparteneva alla famiglia di Michael ed è stata divisa tra lui e un cugino, con il quale sono in buoni rapporti, sebbene abbiano un approccio diverso agli affari. Per esempio per il fatto che vende foglie di tè ad altre fabbriche. Il cugino di Michael ha la sua fabbrica, ma Michael ha deciso di non servirsi da lui, sperando di riuscire a trovare un prezzo migliore, libero da legami familiari. Ha promesso di mostrarci comunque la fabbrica di suo cugino, così avremmo potuto vedere il processo di produzione del tè dall'inizio fino alla fine. Ma domani, domani; per ora ci mettiamo a suonare un po' i tamburi.

Domani è iniziato con la colazione (riso, verdure, un pezzo di carne, non ci sono grandi differenze da pasto a pasto) e ovviamente il tè, e poi lentamente, con un amico di Michael, abbiamo fatto il giro della fattoria imparando i segreti della produzione del tè .

A pochi passi dietro la loro casa, abbiamo incontrato la prima donna che raccoglieva il tè. Con un enorme sacca sulla schiena tenuta da una cintura a livello della fronte, era chinata sul cespuglio del tè, cogliendo abilmente le foglie con entrambe le mani. Sembrava muoversi senza pensarci troppo, ma in realtà è un processo meticoloso: prende solo le due foglie più giovani e il bocciolo, delicatamente, con attenzione, nonostante quella che ci è sembrata una velocità vertiginosa. Dopo pochi secondi, quando entrambe le mani erano piene, gettava il bottino raccolto nella sacca e ricominciava. Le foglie raccolte a mano sono più preziose di quelle raccolte a macchina, motivo per cui il tè dello Sri Lanka è famoso per la sua alta qualità. Questo è uno dei pochi paesi in cui le macchine non hanno ancora preso in carica il raccolto. I tè, bianco, verde e nero provengono dallo stesso cespuglio, ma il loro gusto differisce a seconda del terreno, del clima, dell'altitudine (il tè a maggiori altitudini è più delicato e di migliore qualità) e di metodi di lavorazione. Per produrre tè nero o verde si raccolgono le due foglie più giovani e il bocciolo da ogni ramo. Se vogliamo ottenere il tè bianco, raccogliamo solo il bocciolo, delicatamente e necessariamente all'alba. Il tè bianco è talvolta chiamato Silver Tips, a causa del colore caratteristico che presenta la leggera peluria bagnata dalla rugiada. Non a caso è il più costoso. È l'unico tè realizzato interamente a mano. Le gemme raccolte vengono arrotolate una ad una e non sono soggette al processo di fermentazione. C'è meno caffeina e più antiossidanti, il che rende il tè bianco uno dei più sani. Anche il tè verde non è fermentato, quindi anch'esso conserva molte delle proprietà antiossidanti. Il tè nero subisce la fermentazione, come abbiamo avuto modo di vedere con i nostri occhi in fabbrica.

Per ora i miei pensieri sono ancora con questa donna. Sembra piuttosto vecchia, esposta alle intemperie per lunghe ore, eppure veloce e agile. Il suo corpo è completamente coperto da pantaloni larghi e una camicia a quadri, anche se la giornata è calda. Sulla testa, una sciarpa colorata la protegge dal sole, orecchini d'oro nelle orecchie e nel naso. Non presta molta attenzione a noi turisti. Dopo una serie di domande, abbiamo scoperto che la raccolta delle foglie e dei boccioli è principalmente un compito femminile. Raccolgono circa 18-20 kg al giorno. Se riescono a raccoglierne di più ricevono un bonus aggiuntivo. Per fortuna non devono portare i 20 kg sulla schiena tutto il giorno - le foglie vengono consegnate due volte in fabbrica: prima di pranzo alle 12.00 e alla fine della giornata lavorativa alle 15.30. Ci sono anche vari contenitori sparsi per la fattoria, dove possono tranquillamente conservare il tè se necessario. Il loro lavoro inizia alle 7.00 e dura fino alla pausa delle 10.00. Dopo mezz'ora, richiamate dalla sirena, riprendono a raccogliere, per poi approfittare di un'ora di pausa pranzo a mezzogiorno. Dalle 13.00 alle 15.30, ultimo giro di raccolta. Mentre le donne finiscono il lavoro per passare alle proprie faccende di casa, la maggior parte degli uomini prende in carico altri lavori. Sin dal mattino, si occupano principalmente di togliere le erbacce e tenere pulito il terreno. Nel pomeriggio possono guadagnare qualcosa extra continuando nel campo. E la sera la passano bevendo principalmente un vino a buon mercato ottenuto dalla linfa dei fiori di vari tipi di palme, chiamato Toddy. Dieci volte più economico dell'Arrack che abbiamo provato il giorno prima, eppure è li che tanti lavoratori buttano la maggior parte del loro stipendio. Per loro pensare al futuro e pianificare le spese è spesso qualcosa di troppo astratto. Per essere sicuro che le famiglie dei raccoglitori abbiano abbastanza da mangiare, Michael all'inizio di ogni mese prende le liste della spesa e acquista cibo per ogni famiglia, in modo che abbiano quanto meno i prodotti di base fino alla fine del mese. Comprare all'ingrosso è anche più economico e i raccoglitori di tè non fanno molti soldi. Nella fattoria di Michael ricevono 20.000 rupie al mese (circa 100 euro). I raccoglitori ricevono anche degli alloggi in cui vivono da generazioni. Le casette consistono solitamente in una lunga fila di piccole stanze, una per famiglia. La maggior parte di loro sono Tamil, portati in Sri Lanka ai tempi della produzione del caffè, quando c'era bisogno di manodopera. Tuttavia, non hanno mai imparato la lingua locale, quindi la comunicazione con i proprietari della fattoria è relativamente limitata. Provengono da una cultura diversa, spesso da una religione diversa, celebrano feste diverse e seguono usanze diverse. Eppure vivono in Sri Lanka e nessuno di loro ha intenzione di cambiare la situazione. Magari di tanto in tanto una giovane coppia si sposa in segreto e scappa dalla fattoria sperando in un futuro migliore, ma tornano dopo poche settimane o mesi chiedendo a Michael un lavoro. E lui accetta perché il lavoro non manca mai. Piuttosto c'è carenza di operai. Probabilmente perché il lavoro è fisicamente impegnativo e bisogna farlo indipendentemente dalle condizioni meteorologiche. Pioggia, vento e caldo non possono impedire ai raccoglitori di presentarsi ogni giorno nel settore designato dell'azienda per iniziare i loro movimenti monotoni. Le piante di tè impiegano 10-14 giorni per far ricrescere le foglie prima di poterle raccogliere di nuovo. Se si aspetta troppo le foglie diventano troppo dure e perdono il loro valore. Non esiste una stagione specifica, il tè può essere raccolto tutto l'anno. Capita che i giovani lavorino nella piantagione, non i bambini, ma gli adolescenti. Hanno accesso alle scuole, ma spesso dopo pochi giorni o settimane smettono di interessarsene, e i genitori non vedono molto valore nell'istruzione, dato che il loro futuro è comunque nella piantagione a raccogliere il tè. Ci sono anche altre piante nella zona a beneficio dei suoi abitanti, come frutta e verdura locale, ma anche pepe e chiodi di garofano, che in realtà cresce diventando un enorme albero. Gli adolescenti sono specializzati nel raccoglierli e quando arriva la stagione, è tempo per loro di guadagnare qualche rupia scalando gli alberi.

Chi non raccoglie il tè aiuta in fabbrica. Quella del cugino di Michael lavora il tè con l'ausilio di macchine tradizionali, che, sebbene richiedano più lavoro, consentono di ottenere una qualità migliore. In una prima fase le foglie raccolte vengono portate al primo piano, dove vengono adagiate su lunghi nastri trasportatori ed esposte ad un flusso d'aria calda. Questo aiuta a ridurre l'acqua in eccesso dalle foglie. Dopo circa 8 ore, le foglie essiccate, vengono scaricate direttamente su una macchina al piano terra che le taglia, le frantuma e le torce - le sostanze chimiche presenti vengono rilasciate dalle cellule danneggiate e interagiscono con l'ossigeno dell'aria, permettendo il processo di ossidazione - particolarmente importante per la produzione del tè nero, prodotto in questa fabbrica. È molto importante controllare il tempo, la temperatura e l'umidità durante questo processo, poiché anche piccole variazioni possono influire in modo significativo sul prodotto finale. Il risultato viene accumulato e lasciato fermentare. Le foglie hanno già un colore diverso: dal verde sono diventate marroni. Poi un'altra asciugatrice, che lavora a temperature più elevate, riduce ulteriormente l'idratazione e arresta i processi di fermentazione. Infine le foglie vengono trasportate in una sezione diversa, dove avviene la separazione: gli scarti vengono divisi dalla polvere e da pezzi di foglie più grandi, che vengono poi imballati come prodotto finale, diretto alle aste di Colombo, la più grande città del Paese. I frammenti di foglie più grandi producono un tè più delicato, che viene consumato ad esempio in Inghilterra. La polvere invece permette di ottenere un tè più forte, molto comune in Polonia, ad esempio. Lo Sri Lanka esporta principalmente il suo tè nei paesi dell'ex blocco sovietico, Emirati Arabi Uniti, Russia, Siria, Turchia, Iran, Arabia Saudita, Iraq, Gran Bretagna, Egitto, Libia e Giappone. In Sri Lanka, il tè non può essere venduto direttamente ad un determinato cliente, sono tutti venduti all'asta e il prezzo cambia di anno in anno. I lavoratori delle piantagioni sanno che un tè di buona qualità ha maggiori possibilità di essere venduto a un buon prezzo, il che è anche un bene per loro, quindi tutti lavorano sodo. La fabbrica funziona 24 ore su 24. I lavoratori seguono a turno le macchine, immersi nel rumore e nella polvere. Di solito non cambiano mansione, preferiscono rimanere legati alla stessa macchina, che già conoscono. Il primo locale - quello di essiccazione, taglio e fermentazione - è servito prevalentemente da uomini, mentre nel secondo locale, dove si separa la polvere dalle foglie, è principalmente un lavoro femminile. L'intero processo, dall'arrivo delle foglie al confezionamento dei sacchi con l'oro marrone pronto a essere venduto, richiede circa 16 ore. Un sacco di foglie da 20 kg produce circa 6 kg di tè.

Non so il tuo tè, ma il mio nella tazza accanto al computer si è raffreddato già da un po' e l'ora della colazione si è trasformata in crepuscolo. Lo Sri Lanka si addormenta lentamente, nel silenzio del sole al tramonto si possono sentire operai e proprietari di piantagioni che festeggiano (separatamente) la fine della giornata. Cominciamo a sentire uccelli e altri animali: la piantagione appartiene a loro durante la notte. Non ci sono muri o recinzioni qui, possono entrare come vogliono, i cespugli di tè non hanno nemici nel regno animale. Ci sono molti serpenti, rane, insetti, ma anche il funambulus palmarum – uno scoiattolo che emette suoni caratteristici -, a volte un piccolo leopardo o un altro gatto selvatico, quindi è meglio stare attenti. Dopo aver bevuto il tè freddo, che ha perso da tempo le sue pregiate caratteristiche, mi chiedo cosa posso fare per sostenere le persone che lavorano sodo in questa parte del mondo. Cosa posso fare per rendere il mio consumo quotidiano qui in Europa un po' più responsabile nei confronti delle persone, degli animali e del pianeta? La prima regola è mangiare prodotti locali e stagionali, ma è difficile trovare piante di tè in Europa. È una buona idea acquistare prodotti del commercio equo e solidale, che soddisfano determinati criteri, ma vale la pena tenere presente che questo tipo di certificato a volte è troppo costoso per le piccole aziende agricole. Spesso creano i propri sistemi di certificazione locale che soddisfano standard simili ma hanno un costo inferiore, come il sistema di certificazione proposto dal Good Market, un'organizzazione con sede a Colombo che supporta centinaia di persone che producono in Sri Lanka secondo il principio “buono per la gente e buono per il pianeta”. Il mercato del sabato che organizzano, così come il negozio che hanno aperto di recente, stanno diventando sempre più popolari: le persone vogliono acquistare prodotti sani, locali e giusti, anche se costano un po' di più. È un investimento in noi stessi, nel pianeta e nella società che vale la pena fare. In Sri Lanka e in qualsiasi altra parte del mondo.

RELATED | POWIĄZANE

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon

We are Anna and Andrea, a Polish-Italian couple traveling around the world. We are looking for changemakers,  in order to describe and share their stories.

Our journey is based on exchange: story telling and other skills in exchange for a place to sleep and food. 
 

Join the GoodNewsLetter

Domain: exchangetheworld.info Token: 8f33766246f6a39ac26f12d885511de2616edb4d1c5396105cb312c07a5d1a5f