La Mano Visibile - Aiutarsi ai tempi del Covid


autor logo: Kevin Murf

The Visible Hand – help in times of pandemia

WIDZIALNA RĘKA / VISIBLE HAND

Poland

Una delle cose positive che ci porteremo dentro a lungo di questo 2020 sono stati i tanti gesti di umanita' e solidarieta' che hanno mitigato gli effetti di una pandemia tanto inattesa quanto travolgente. Innumerevoli sono stati singoli atti, ma qua e la sono nate anche vere proprie reti di supporto. In Polonia e' stata creata Widzialna Ręka (la Mano Visibile), un gruppo facebook aperto da Filip Żulewski. Lanciato nelle prime settimane di marzo 2020, in pochi giorni è arrivato a contare 100.000 iscritti. L'idea di questo gruppo di mutuo soccorso è di dare e ricevere aiuto - chiunque sia nel bisogno può creare un annuncio sul gruppo e altre persone rispondono a seconda delle loro possibilità. Durante le prime settimane di pandemia sono state postate diverse centinaia di richieste al giorno, quasi tutte soddisfatte. Le persone chiedevano aiuto per rientrare nel paese, per trovare un nuovo lavoro, per supporto materiale sotto forma di cibo o cose specifiche di cui avevano bisogno, per contattare specialisti, ad es. psicologi e così via. Con il tempo sono stati fondati gruppi locali per rendere il processo più efficace e più facile per coloro che non hanno molta familiarità con i social networks. Sono stati creati circa 200 gruppi locali di Widzialna Ręka in tutto il paese, alcuni sono tuttora attivi.

Anna Książek: Da dove nasce Widzialna Ręka?

Filip Żulewski: Dalla paura.

A: Cioè.

A marzo, è arrivata la notizia che il Covid aveva iniziato a girare in Polonia e si è scoperto che molte persone a diversi livelli non riuscivano a far fronte al problema. La polizia aveva paura di visitare i malati, anche se all'epoca erano pochi. Scuole e università hanno iniziato a chiudere. C'era paura, che è diventata una cosa ... comune. La gente aveva paura di uscire di casa, andare al negozio, aveva paura di aspettare alla fermata dell'autobus, di salire sull'autobus. Conoscevo tanta gente che, vivendo a Varsavia, non aveva persone a loro care nelle vicinanze. O persone che sono tornate in Polonia da altri paesi e avevano bisogno di fare la quarantena, ma nessuno sapeva in cosa consisteva esattamente questa quarantena. Conoscevo il concetto di gruppo di mutuo soccorso, ho pensato che sarebbe stato bello crearne uno e invitare degli amici.

A: Hai chiamato questo gruppo Widzialna Ręka, la Mano Visibile.

Sì, ispirato dai gruppi della Mano Invisibile che operavano in Polonia negli anni '50 -'60 quando ero bambino. Quei gruppi davano sostegno alle persone in modo anonimo.

A: Nell'era dei social media, nessuno è più anonimo ... e in pochi giorni il gruppo è cresciuto fino a raggiungere dimensioni enormi.

I miei amici hanno iniziato ad aggiungere i loro amici, che hanno aggiunto altri amici, e improvvisamente il gruppo è diventato molto popolare. In meno di una settimana, ho dovuto decidere se volevo continuare e, se sì, come, o piuttosto ritirarmi e lasciarlo al suo corso. Non è stata una decisione facile. Ma ha vinto la responsabilità per il gruppo. Ho iniziato a chiedermi come farlo senza diventar matto. Letteralmente, perché c'è stato un giorno in cui non sono riuscito a tirarmi su dal letto. C'erano troppe emozioni, pensieri, la mia mente era piena di paura, dubbi ed euforia tutto il giorno.

A: Cosa ti ha aiutato?

Ho invitato altre persone a gestirlo. Abbiamo creato regolamenti: semplici regole per la stesura dei post, ma anche informazioni su come creare gruppi locali. Ho iniziato a suggerire quasi subito di creare gruppi locali, l'uso di hashtag sul gruppo principale sarebbe potuto essere troppo complicato per persone che non hanno esperienza nei social media. Abbiamo lasciato che le persone usassero il nome, le stesse regole se volevano, perché ci sembravano coerenti e utili. 200 di questi gruppi sono comparsi in due settimane.

A: Duecento?!

Sì. Circa 100.000 persone si sono registrate sul gruppo principale nel primo mese. I media hanno fatto molto, ci sono stati giorni in cui ho rilasciato da 3 a 5 interviste durante le prime due settimane. Ho aperto il gruppo mercoledì 11 marzo, giovedì c'era un articolo su Na Temat, venerdì informazioni su Teleexpress. Durante il fine settimana, la televisione polacca ha iniziato a chiamare e ho ricevuto informazioni che Widzialna Ręka era elencata sul sito web del governo come uno dei luoghi in cui è possibile cercare supporto.

A: Sei andato su diversi media ma senza mostrare la tua faccia.

Non volevo espormi ai media, quindi non do mai ai media l'autorizzazione e la possibilità di pubblicare la mia immagine. Non mi piace essere sotto i riflettori, volevo prendermi cura del mio benessere psicologico, ma anche dare spazio alle persone dei gruppi locali, invitarle a rappresentare il gruppo sui media.

A: Com'è Widzialna Ręka oggi?

Sono passati più di sei mesi. Il gruppo alla fine è cresciuto fino a raggiungere 110.000 persone e si è stabilizzato a questo livello per un po' di tempo. Ora quel numero sta diminuendo leggermente, ma costantemente. Anche il numero di post è andato diminuendo: all'inizio erano 300 al giorno, ora sono pochi

A: Anche il loro contenuto è diverso.

Oggi i post sono molto più specifici, si vede che le persone hanno imparato a parlare delle loro esigenze. Le incoraggiamo a scrivere di ciò di cui hanno bisogno, non di ciò che possono dare. Perché quando iniziamo a parlare di come possiamo aiutare, tutti hanno 5.000 idee, ma se si tratta di descrivere le tue necessità, non è facile.

A: Non abbiamo una cultura del chiedere.

No. Soprattutto tra gli uomini. Penso che sia uno dei motivi per cui l'80% del gruppo è composto da donne. Per queste è più facile dire che hanno bisogno di qualcosa. Se un uomo ha bisogno, spesso è una donna a chiedere per lui. Ci sono post tipo: “ne ho bisogno per mio marito”; “Serve al mio partner”.

A: Consentitemi di citarne alcuni: “Sto cercando un monitor per lavorare in remoto. Normalmente mio marito lavora su due grandi monitor, e ora stiamo a casa e lui è limitato ad un portatile. Voglio migliorare il suo lavoro.", "La zia di mio marito ha problemi di mobilità dopo l'operazione, ha bisogno di aiuto con la spesa una volta alla settimana.", "Chiedo aiuto per un mio amico, il signor Stas. A causa della situazione molto difficile, non può permettersi di acquistare cibo per i gatti che ha adottato. È un uomo molto onesto e probabilmente ha problemi lui stesso, ma si preoccupa per i suoi animali".

Ma torniamo per un momento alla situazione attuale.

Alcuni gruppi hanno iniziato a stabilire le loro fondazioni o associazioni, ma noi, come gruppo principale, non vogliamo registrarci formalmente. Non sono interessato al lato amministrativo ed economico di questo progetto, questo gruppo è stato istituito per fornire assistenza senza interessi economici. C'è un bisogno, posso aiutare, quindi aiuto senza aspettarmi alcuno ritorno. Costruire una struttura può trasformare ciò che finora è stato costruito per passione e necessità in un lavoro. Ma se i gruppi locali vogliono creare organizzazioni, se questo li aiuta a trovare un posto, raccogliere fondi per fare mascherine, ecc., per me va bene.

A: Cosa non andrebbe bene per te?

Temo che questi gruppi di mutuo soccorso possano cominciare a perdersi, a commercializzarsi, a essere rilevati da grandi aziende. Potrebbe esserci una sorta di uberizzazione degli aiuti. Questo è successo con molte iniziative precedenti. Prima di Uber c'era Blablacar, dove le persone si limitavano a condividere il costo della benzina. AirB&B nasce dalla famosa piattaforma couchsurfing, dove le persone offrivano alloggio a casa gratuitamente. Prima c'era la condivisione, poi sono arrivati ​​i soldi. Vorrei evitare che succeda, che probabilmente è una conseguenza dell'etica di altri gruppi a cui appartengo.

A: Raccontaci di più.

Lavoro attivamente in gruppi con radici nelle filosofie anarchiche e di sinistra. Insieme ai miei amici, ho fondato la casa di cultura alternativa Ada Puławska. Faccio anche parte del collettivo Spina, che aiuta gruppi informali guidandoli al cosiddetto attivismo sostenibile: si discute di come organizzarsi, di come agire per evitare il burn out, di come dialogare in condizioni di parità, di come individuare e abbattere le gerarchie nascoste nel gruppo.

A: Quindi Widzialna Ręka è nato da movimenti anarchici.

Più nello specifico, dall'idea dei gruppi di mutuo soccorso, che sono tanti, ad esempio nei paesi occidentali, ma non necessariamente lavorano tramite Facebook. I classici dell'anarchismo, come Bakunin e Kropotkin, hanno scritto dell'aiuto reciproco come elemento che dovrebbe unire la società, un elemento complementare al governo. Le persone sono in grado di organizzarsi. Widzialna Ręka non è un'idea nuova, ma il momento era giusto.

A: E lavori anche all'università.

Sì, mi occupo di automazione e robotica, sono docente e scienziato, mi piace molto lavorare con gli studenti. L'attivismo non richiede molto tempo. Incontro un gruppo una volta al mese e un altro una volta alla settimana. Per me Ada è piuttosto un modo per organizzare il mio tempo libero, incontrare i miei amici.

A: E da dove viene esattamente questo attivismo?

Bella domanda ... Penso di essere maturato per l'attivismo, non è venuto fuori molto presto. E' stato importante che le persone iniziassero ad apprezzare quello che faccio. Mi piace anche lavorare con comunità, vari gruppi, ho capacità di fare amicizia, un certo tipo di empatia, sensibilità verso le altre persone.

A: C'è stato un momento particolare in cui hai trovato l'attivista in te?

Si. Nel 2010, alcuni amici mi hanno chiesto di unirmi al gruppo legale e anti-repressivo alla manifestazione antifascista dell'11 novembre [Giorno dell'Indipendenza Polacca]. È stato lì che ho visto per la prima volta quanto male si possa interpretare il processo decisionale basato sul consenso. Pensavo di entrare in gruppi in cui ci fosse un alto livello di comunicazione, ma ho scoperto che non era vero. Ho fatto una ricerca sulle pratiche di organizzazione del gruppo e sul lavorare con il metodo del consenso e ho preparato un piccolo compendio. All'inizio è stato difficile, poi, quando Spina e' stata creata e c'era qualcuno con cui lavorare, ho iniziato a divertirmi - abbiamo lavorato con piccoli gruppi, formato sempre più persone. Ricordo un seminario di formazione per la Croce Rossa polacca, 60 partecipanti di età compresa tra 19 e 20 anni. Per 90 minuti abbiamo offerto loro vari metodi per prendere decisioni consensuali e alla fine hanno trovato il loro approccio.

R: Il consenso presuppone il benestare di tutte le persone che partecipano alla discussione ed esclude di prendere decisioni a maggioranza, ad es. votando. Richiede di prendere sul serio l'opinione di tutti. In Widzialna Ręka prendete le decisioni in questo modo?

Ci proviamo. Molti tra gli amministratori provengono da Ada, dove il consenso è pratica comune. Solo una persona tra di noi non appartiene a un gruppo che opera in modo simile, ma è abbastanza empatica e cooperativa da capire rapidamente di cosa si tratta. Se c'è bisogno, ci chiamiamo e discutiamo 2-3 ore sulle regole, su alcuni post, su come ci sentiamo.

A: Quante persone ci sono nel gruppo amministrativo?

Attualmente sei, prima ce n'erano più di una dozzina

A: E dopo?

Ci saranno sempre tanti altri tipi di catastrofi e crisi, e come comunità dobbiamo imparare ad affrontarle. Widzialna Ręka nella mia mente è uno spazio di rete che può essere utilizzato in futuri disastri, quando il governo non è in grado di rispondere immediatamente. Abbiamo dimostrato di poterci organizzare. Possiamo usare le stesse abilità in futuro.

R: La crisi Covid ha rilasciato molta energia nelle persone. Cosa succederà quando la pandemia sarà finita?

Tutti si fanno questa domanda. Sarò felice se il 10% delle persone in Widzialna Ręka continuerà a impegnarsi in attività di volontariato, creare altri gruppi e scoprire il proprio potenziale. Non mi aspetto di più, ma 10.000 è comunque un buon risultato. Vedremo cosa succede nei gruppi locali. Alcuni di loro hanno chiuso alla fine delle vacanze estive e hanno annunciato la fine del Covid. Alcuni di loro continuano a funzionare. Ci sono grandi gruppi a Zielona Góra, Mysłowice, Węgorzewo o Piotrków Trybunalski - questo è il mio preferito, soprattutto perché mia madre è di Piotrków. Hanno la loro sede, logo, banner ed eventi. Anche il gruppo di Radom, che, curiosamente, è stato fondato dai sostenitori della Confederazione [partito di estrema destra in Polonia], funziona molto bene. Nel nostro gruppo amministrativo, le persone condividono le stesse opinioni, ma i gruppi locali sono composti da persone provenienti da contesti molto diversi.

R: E se il gruppo viene controllato dalla Confederazione e vieta a gruppi specifici di cercare aiuto, ad esempio a persone LGBTQ+, se c'è un conflitto di valori?

Allora la gente dovrebbe aprire un altro gruppo. Non reagiamo, non potremmo comunque controllare tutti i gruppi locali. Certo, non è facile per me, ma se la Confederazione non è centrale e le persone nel gruppo stanno facendo un buon lavoro nell'aiutare gli ospedali ecc., allora lasciamo che agiscano come Widzialna Ręka. Il problema è che a volte i moderatori, ad esempio a Cracovia o nel gruppo di Skierniewice, sono persone coinvolte nella politica locale. Agendo in questo gruppo, appaiono nei media, mettendo in risalto la loro posizione in una data comunità, e possono quindi usarla per i beneficiarne a livello politico. Questi sono alcuni dei problemi legati dalle attività locali, quindi vale la pena tenere a mente le idee alla base dei gruppi di mutuo soccorso: aiuto disinteressato, costruzione di gruppi nella comunità locale, avvicinare gli uni agli altri. Non devono essere grandi, non c'è bisogno di 200 persone che si aiutino a vicenda, 20 persone potrebbero essere sufficienti, se sono attive.

A: Qual è la situazione dei gruppi di mutuo soccorso in Polonia? Esistono altri gruppi oltre a Widzialna Ręka?

Cibo non Bombe. Si tratta di gruppi che distribuiscono pasti caldi ai senzatetto ogni settimana durante l'inverno. Lo fanno gratuitamente, ovviamente, il cibo viene dagli scarti. Questi gruppi sono stati organizzati dalla federazione anarchica e dal movimento degli squatter in Polonia; attualmente circa sette sono attivi. I finanziamenti dovrebbe essere canalizzati verso il cibo, non verso la guerra, questa è l'idea principale. Altri gruppi che operano in modo simile, anche se più organizzati, sono Szlachetna Paczka e Caritas. Ma questi sono gruppi altamente strutturati e gerarchici. Un altro, chiamiamolo gruppo di semi-mutuo soccorso, è la Wielka Orkiestra Świątecznej Pomocy (Organizzazione polacca che mette insieme una serie di concerti ogni anno allo scopo di raccogliere fondi per una causa specifica). Non ci sono gruppi tipici di mutuo soccorso in Polonia. Il potenziale per costruirli emerge in una crisi. Widzialna Ręka è sorta al momento giusto, ma sarebbe successo comunque, anche senza Widzialna Ręka. La gente si organizzerebbe in un modo o nell'altro, cucirebbe maschere, aiuterebbe gli ospedali.

A: C'è' qualche storia su Widzialna Ręka che ti ha toccato di più?

Ogni storia è importante. Per me, potrebbe sembrare sciocco, anche se qualcuno mi chiede di comprare le sigarette perché è in ospedale, è una storia che parla di necessità. C'erano, ovviamente, storie spettacolari, come quella di un gruppo di ritorno dal Capo di Buona Speranza all'inizio della pandemia, ma è difficile per me fare un elenco delle mie preferite.

A: Anche io mi sono commossa alle storie di rientro nel paese o di cercare un posto sicuro per la quarantena per evitare di mettere in pericolo la famiglia, forse perché ho vissuto una situazione simile. Ma ne ho anche altre che mi piacciono particolarmente. Ad esempio, la richiesta di aiuto psicologico di Joanna Li in un gruppo su Facebook per 4.000 malati di cancro. O la risposta al post di Er Lilia sulla violenza che subisce dalla sua famiglia. Maja, che grazie a Widzialna Ręka, ha pubblicato un libro sulle sue esperienze come paziente psichiatrica con diagnosi di disturbi alimentari e bipolari. O la richiesta di un dipendente di attrezzature aggiuntive per il Centro educativo dove vivono ragazze provenienti da famiglie disfunzionali. Solo quest'ultimo post ha ottenuto 872 reazioni e 446 commenti!

Abbiamo molte di queste storie. C'è un'altra storia che mi viene in mente ora, che considero interessante ma da un punto di vista diverso. C'era un'insegnante di una piccola città che tiene lezioni in una scuola con rifugiati, con bambini ceceni. Non avevano computer per l'istruzione online. Sua figlia gli ha detto di cercare aiuto tramite Widzialna Ręka e siamo riusciti a organizzare non solo i computer, ma anche diverse altre cose, in tanti hanno aiutato. Ma quando e' iniziata l'ondata di proteste per la politica LGBTQ+ in Polonia e abbiamo pubblicato post, principalmente di supporto psicologico per le persone che sono detenute o che hanno problemi ad affrontare la situazione, ci sono stati molti commenti negativi, anche da questo insegnante. Sembra che essere attivi in un campo non si traduca necessariamente nella comprensione per un altro gruppo discriminato. È stata una lezione per me. In Widzialna Ręka non ci focalizziamo su una visione del mondo, parliamo di bisogni e non del colore della pelle, della religione, dell'orientamento sessuale, perché in una crisi non è importante, non è il momento di alimentare conflitti.

A: Cosa fai quando compaiono commenti negativi?

In qualità di amministratori, blocchiamo il commento ed escludiamo la persona dal gruppo, non c'è discussione. Se le conversazioni su Widzialna Ręka sono piacevoli, non è perché sono sempre così, significa che abbiamo messo a tacere i commenti spiacevoli e abbiamo bloccato l'autore per tre giorni per calmarsi. Personalmente non ho problemi con questo approccio, è un gruppo privato, mira a fornire aiuto e le discussioni non sostanziali vengono stoppate.

A: C'è stato qualche attacco nei tuoi confronti?

A volte le persone sono deluse dal fatto che il loro post non appare. Le regole per la pubblicazione dei post ci aiutano in queste situazioni, possiamo dare una risposta chiara: il post non è conforme a questa o quella regola. A volte questi messaggi di delusione o persino di frustrazione finiscono con il dire che tutto sommato stiamo facendo un ottimo lavoro, il che è piuttosto divertente. Soprattutto perché abbiamo ricevuto solo cinque messaggi per dirci che facciamo un ottimo lavoro senza prima esprimere delusione.

A: Qual è la parte più difficile?

Leggere storie pesanti. O no, forse la parte più difficile è chiedere alle persone di riformulare le storie.

A: Perché, sono così drammatici?

Sì. Personalmente ho ricevuto un sacco di messaggi privati ​​come amministratore, prima di iniziare a chiedere alle persone di contattarci tramite il sito. Ad esempio, ho una foto di una ragazza con le mani amputate che dice di essere sola con un bambino, gravemente depressa e che pensa di uccidersi. Ho mandato vari numeri di telefono che poteva chiamare per ricevere un aiuto professionale, abbiamo chiacchierato un po', ma poi è scomparsa, ha smesso di rispondere. Un'altra cosa difficile sono tutte le discussioni non sostanziali che dobbiamo moderare. Soprattutto con argomenti caldi - devi stare attento a ciò che elimini. E ovviamente le truffe. Ovviamente ci sono anche quelli che imbrogliano, modificano i post per aggiungere collegamenti a campagne di crowdfunding, anche se abbiamo chiesto loro di non farlo, o spingono altri a inviare aiuti di cui non hanno davvero bisogno.

A: Come verificate queste cose?

Non è davvero possibile. A volte, qualcuno del gruppo locale può andare, incontrare la persona e farsi un'idea della situazione.

A: Ci sono persone che non parlano polacco?

Abbiamo aperto un gruppo separato per loro, The Visible Hand International, e c'è anche un gruppo di lingua russa. In generale, sono stati creati molti gruppi tematici. C'è, ad esempio, la Piccola Mano Visibile per i bambini e i loro genitori, fondato da una persona che ha scritto un libro su Widzialna Ręka, ci sono gruppi focalizzati sul lavoro, sullo sport o anche su ricette vegetariane.

R: E se adesso durante il Covid, o dopo la pandemia, qualcuno volesse continuare a mettersi in gioco e cambiare il mondo, cosa ci vuole per questo?

Dieci anni e tanto lavoro.

A: Perché dieci?

Mi sembra che ci voglia almeno un decennio per fare davvero la differenza. Se non hai esperienza in attività sociali, ti suggerirei di iniziare con qualcosa di molto semplice. Portare fuori il cane di qualcuno. Anche la condivisione di informazioni su Facebook su un'azione specifica è una sorta di attivismo. Prendi della vernice e ricopri le croci celtiche sui muri. Adesivi. La soglia di ingresso deve essere piccola. Vai alle dimostrazioni, prepara uno striscione, scrivi qualcosa su un pezzo di carta e portalo con te, cose semplici. Non devi necessariamente rischiare subito la prigione e affrontare la polizia. La seconda cosa è costruire una piccola comunità tra i tuoi amici. Sono un grande fan della creazione di cosiddetti gruppi di affiliazione creati per uno scopo specifico. Si parla di una specifica attività, ci si prende cura l'uno dell'altro. E l'ultima cosa è concentrarsi su un solo obiettivo. Supporta altre questioni, ma in modo, diciamo, morale. Scegli un argomento importante per te, che si tratti di LGBTQ+ o cambiamento climatico o qualsiasi altra cosa, e mettiti in gioco solo per quello.

A: Grazie, Filip, per l'intervista e per Widzialna Ręka. Stai facendo davvero un grande lavoro!

Maggiori informazioni su Widzialna Ręka: https://www.facebook.com/groups/2874461049277846


Zrealizowano w ramach stypendium Ministra Kultury i Dziedzictwa Narodowego


Powiązane posty

Zobacz wszystkie

RELATED | POWIĄZANE

 
Domain: exchangetheworld.info Token: 8f33766246f6a39ac26f12d885511de2616edb4d1c5396105cb312c07a5d1a5f