Abbastanza è tutto ciò di cui hai bisogno


#MilestoneExperience: Abbastanza è tutto ciò di cui hai bisogno

[Andrea] Con il Mercoledì delle Ceneri, da qualche giorno siamo entrati nella Quaresima. Nelle tradizioni cristiane questo segna un passaggio dagli esuberanti eccessi del Carnevale ad un periodo di umile moderazione. Ed è qui che ci troviamo adesso. In diversi modi.

Sicuramente la mia età. Quando hai poco più di 20 anni pensi di essere onnipotente. Vuoi andare ovunque, provare tutto. Vuoi di più. A quell'età vivevo seguendo un motto che un mio amico mi ripeteva spesso: se vuoi tutto, troppo è a appena abbastanza.

Poi invecchi, magari hai un figlio, o compri una casa con il relativo mutuo, magari ottieni una buona posizione lavorativa. Tutte queste cose richiedono di riconsiderare le proprie priorità. Così ti rendi conto che abbastanza è tutto ciò di cui hai bisogno.


Su questo punto abbiamo raggiunto l'illuminazione – manco a dirlo – in un centro buddista. No, non quel centro buddista. Non quello che hai visualizzato nella tua mente in questo momento. Non il tipo con strutture austere e monaci silenziosi che vanno in giro con la testa bassa. Era un centro buddista che abbiamo incontrato ai piedi settentrionali delle Alpi austriache. Una tenuta signorile, un luogo pieno di comfort, caldo e accogliente all'interno e con un bel giardino dotato di piscina naturale. Un luogo dove la serata si concludeva al bancone di un bar, bevendo birra e ascoltando musica rock. Il cibo era incredibile: 3 pasti principali al giorno a buffet (opzioni sia vegetariane che non vegetariane), più pause caffè, più un tavolo pieno di frutta, snack dolci e salati consacrati nella lounge, sempre a portata di mano. Quando siamo arrivati ​​gli altri volontari ci hanno detto che l'unico problema di quel posto era lasciarlo senza prendere non più di cinque chili. In effetti, il giorno in cui siamo ripartiti stavano facendo un digiuno ad acqua di 3 giorni. Nessuno ci ha mai detto di limitarci. Tuttavia, quella era proprio la lezione da imparare. Quello che fai in una situazione di abbondanza dipende da te. Ad esempio, io vado matto per lo zucchero; per me è quasi impossibile dire di no a qualcosa di dolce se ce l'ho sotto il naso. Così nei miei primi giorni al centro mangiavo così tanto che non potevo svolgere correttamente nessun'altra attività, il mio stomaco era costantemente impegnato a digerire. Non potevo apprezzare gli interessanti momenti spirituali perché mi stavo soffermando sul piacere materiale. Mi sono reso conto che mi stavo intossicando e che stavo limitando la mia esperienza per pura golosità.

Penso che noi, come società, stiamo facendo esattamente questo passo. Venendo da epoche di penuria siamo arrivati ad un momento di benessere e la nostra ingordigia, mossa da ancestrali istinti di sopravvivenza, ci ha fatto arrivare all'eccesso; Ora è il momento di imparare a gestire l'abbondanza e, con questo, la responsabilità. Se stai leggendo queste righe sei tra quelli che hanno a che fare con l'abbondanza ogni secondo. I problemi della nostra società sono legati allo sfruttamento eccessivo delle risorse, al consumo eccessivo, al sovrappeso, all'eccessiva stimolazione, al flusso travolgente di informazioni, al lavoro eccessivo. Eccesso ... tutto sta nel trovare il nostro equilibrio in questa nuova dimensione. Intuire dov'è la linea che copre i nostri bisogni e ci dà quel pizzico in più per farci sentire a nostro agio. Per sentire che abbiamo abbastanza.

Powiązane posty

Zobacz wszystkie

I soldi

Qui e ora

RELATED | POWIĄZANE

 
Domain: exchangetheworld.info Token: 8f33766246f6a39ac26f12d885511de2616edb4d1c5396105cb312c07a5d1a5f