Il massaggio



[Anna] Ho deciso di fare una sessione di massaggio. Può sembrare banale, ma per me è stato un grande evento. Ritengo importante il benessere del corpo, ma i massaggi non mi hanno mai attratto - non mi piace sentire dolore e questa è l'unica cosa che mi viene in mente quando penso ad un massaggio - e non sono molto a mio agio al pensiero che un'altra persona tocchi il mio corpo. Però, c'era una buona opportunità con una massaggiatrice di cui mi fido, quindi ho deciso di provare. La reazione della massaggiatrice al toccare la mia schiena è stata alquanto ... terrificante. È rimasta scioccata da quanto fosse rigida ... e in effetti anch'io. Ma solo quando mi ha chiesto se avessi ancora sensazioni tattili nei palmi delle mani o se soffrissi di emicrania mi sono resa conto di quanto possa essere seria la cosa. Ma questa non è la storia della mia schiena o delle emicranie (che, tra l'altro, provo da un po'), è una storia sullo stress inascoltato e sulle conseguenze di una pandemia, che possiamo ignorare solo fino a un certo punto. Sono rimasta sorpresa dalle condizioni della mia schiena perché in realtà faccio tutto quello che si dovrebbe fare per tenerla in forma, tipo esercizi regolari, stretching, ecc., e penso di non vivere una vita stressante, sicuramente non abbastanza da giustificare tanto. Ma poi, ispirata da profonde discussioni che ho avuto con persone a me molto care, ho iniziato a collegare i punti. Non è solo la mia schiena ad essere tesa. Ci sono milioni di micro-segnali che le cose non stanno andando bene. Conflitti in tanti gruppi a cui appartengo. Accuse e parole pesanti scagliati l'un contro l'altra. Contrasti più aspri che mai. Persone che improvvisamente non possono più collaborare o dicono di non volersi più neanche sedere allo stesso tavolo con persone con cui erano in buoni rapporti fino a poco prima. Organizzazioni e aziende che si disgregano anche se hanno una decente situazione finanziaria. Umore basso e apatia. So di essere una persona privilegiata, vivo in buone condizioni e non ho grossi problemi ad arrivare alla fine del mese. Non ho figli, non ho perso il lavoro, non subisco nessuna violenza. Quindi pensavo - ok, non mi piace la pandemia, è frustrante e triste ma, finché non mi ammalo, non è la fine del mondo. Lo è. È un trauma che stiamo vivendo tutti insieme e che ha conseguenze non solo sull'economia. Avremo un PTSD collettivo (Disturbo da Stress Post-Traumatico), dovremo elaborare il trauma insieme. Non ancora, perché ne siamo ancora fuori, ma dobbiamo iniziare a renderci conto che quando la pandemia sarà finita, le cose non torneranno semplicemente alla "normalità". Siamo e saremo traumatizzati, e questo influenza non solo il nostro portafoglio, i nostri pensieri e le nostre emozioni, ma anche i nostri corpi, le relazioni con gli altri, le nostre anime. Prendersi cura di sé, ma soprattutto prendersi cura l'uno dell'altro non è mai stato così urgente. Dobbiamo iniziare a parlare e discutere non solo su come far sopravvivere le nostre attività in questi tempi incerti, ma anche su come sopravvivere noi stessi. Dobbiamo guardarci bene dentro per individuare i vortici interiori e riconoscerne l'esistenza per toglier loro un po' di forza. I traumi inconsci sono molto più pericolosi di quelli portati alla luce. Un po' se ne parla, anche perché oggi è difficile avere una conversazione che non tocchi l'argomento “corona”, ma dobbiamo andare più a fondo. Dobbiamo accettare che c'è molto più stress dentro e fuori di noi di quanto pensiamo. Dobbiamo essere pazienti - con noi stessi e con gli altri - e capire che molte cose che stanno succedendo tra di noi in realtà non hanno nulla a che fare con noi. Lo stress causato da questa pandemia influenza tutto ciò che facciamo. Dallo scorso marzo sperimentiamo incertezza, abbiamo paura per la salute nostra e dei nostri cari, dobbiamo affrontare una situazione in continuo mutamento e siamo quasi completamente isolati, privi del contatto umano. Questa cosa deve avere delle conseguenze. Prima e più onestamente ne parliamo, più possibilità avremo di preservare il nostro corpo, la mente, l'anima e le nostre relazioni.


P.S.1 Se hai bisogno di un massaggio in Polonia (o se preferisci controllare come il tuo corpo sta affrontando la situazione) - Marta è sicuramente un'ottima scelta.


P.S.2 Abbiamo scritto molto sullo stress e sull'affrontare situazioni difficili nell'ultima changemaker story, "(Non) devi dare tutta te stessa". E se non hai ancora visto il discorso delle sorelle Nagosky sul chiudere il ciclo dello stress, guardalo. E chiudi quanti più cicli puoi.


Powiązane posty

Zobacz wszystkie

RELATED | POWIĄZANE

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon

We are Anna and Andrea, a Polish-Italian couple traveling around the world. We are looking for changemakers,  in order to describe and share their stories.

Our journey is based on exchange: story telling and other skills in exchange for a place to sleep and food. 
 

Join the GoodNewsLetter

Domain: exchangetheworld.info Token: 8f33766246f6a39ac26f12d885511de2616edb4d1c5396105cb312c07a5d1a5f