Una notte, Una storia

Per diversi motivi abbiamo deciso di affrontare il viaggio separatamente per un paio di settimane. Abbiamo scelto l’Indonesia. Grazie a ciò io, Anna, ho avuto la possibilità di instaurare un rapporto più profondo con alcune delle donne che ho incontrato. Soprattutto con Ajeng, la quale mi ha ospitato per una settimana a casa sua a Malang, Java. Questa storia parla di lei e della sua comunità musulmana.

 

Ajeng: Voglio cambiare il mio paese. Ma oggi voglio solo fare dei cambiamenti per il mio ambiente, il mio villaggio o il mio quartiere. Cambiamento significa educazione, voglio che la gente capisca che l'istruzione può dare un futuro migliore. Inoltre dovremmo apprezzare la nostra cultura, senza metterla nel dimenticatoio come fanno gran parte dei giovani. Pensano che la cultura sia roba da vecchi. Spero che i giovani riscoprano di nuovo quanto sia bella la nostra cultura. Le nostre tradizioni. Il nostro patrimonio è il nostro orgoglio.

 

Ho contattato Ajeng su Workaway. Sono stata la sua prima volontaria e come lei stessa ha ammesso, aveva paura di questo incontro. Il giorno prima del mio arrivo ha anche pensato di cancellare tutto. Per fortuna, non lo ha fatto e la mattina seguente mi è venuta a prendere alla stazione dell’autobus e mi ha portato nella mia camera, con addirittura un bagno privato. Una stanza molto semplice, ma con tutto il necessario. L'unica nota stonata, il rumore. La casa di Ajeng si trova su una strada molto trafficata. Ma è sufficiente inoltrarsi pochi metri in un vicolo laterale e improvvisamente ci si ritrova nel bel mezzo di un villaggio indonesiano, tranquillo e calmo, totalmente diverso dalla strada poco più in lá. Nel villaggio, così come nelle scuole e negli asili limitrofi, ho avuto la possibilità di insegnare inglese, parlare del nostro viaggio e motivare gli studenti ad imparare. La cosa principale, però, sono stati i corsi serali organizzati a casa di Ajeng tre volte a settimana. I corsi sono gratuiti e aperti a tutti i ragazzi del villaggio, a prescindere dalla loro età, livello di istruzione o condizione finanziaria. Li organizza nel suo tempo libero – non abbondante, considerando che Ajeng ha tre figlie piccole. Lei crede che aiutare il prossimo sia una parte importante, se non essenziale, della vita. Questa convinzione è fortemente correlata con i precetti dell'Islam.

 

Il lavoro principale per gli abitanti del villaggio è l'agricoltura. Non nelle propria azienda, lavorano sotto padrone. Molti di loro non sanno né scrivere né leggere. Molti commettono crimini, gli adolescenti hanno cattive abitudini come fumo e droghe. Sono convinta che l'educazione possa salvarli dalle cattive abitudini, da cattive influenze. Ho deciso di organizzare corsi d’inglese perché questa è una cosa che può catturare la loro attenzione. Se insegnassi indonesiano o matematica non verrebbe nessuno. Ma molti sono interessati all'inglese: Voglio parlare inglese! Voglio che i miei figli imparino a parlare bene l'inglese! Così portano i loro figli qui. A volte sono anche andata a visitare qualche famiglia per cercare di convincere i genitori che l'educazione può migliorare il futuro dei loro figli, possono avere un lavoro migliore e una vita migliore.

 

Il corso di inglese è solo una scusa per educare. Educare, nel senso più ampio del termine. Un tema molto importante per Ajeng è l’ecologia e la protezione dell'ambiente. Lei è uno di quei pochi nel paese che percepisce un problema nella montagna di spazzatura sparsa lungo le strade ovunque ti giri. Prima di ogni lezione Ajeng mi chiedeva un paio di volte di raccontare agli studenti come le strade siano pulite in Europa, come la gente getti i rifiuti nei cassonetti, e in modo differenziato, come nei fiumi si possa tranquillamente fare il bagno, perché non sono delle discariche.

 

La gente non ha l’atteggiamento giusto qui. E ' diverso dall’Europa. Forse in Europa non avete attività comuni nel quartiere, magari fate tutto individualmente, ma qui la gente fare tutto insieme. E questo é buono. D'altra parte ... noi non siamo disciplinati. Quando c'è traffico tutti cercano di infilarsi. E la spazzatura è ovunque. La gente dovrebbe capire che se non metti i rifiuti nei cassonetti diventa un casino.

 

I corsi serali in casa di Ajeng non sono la sua prima iniziativa. Tutto è cominciato con un progetto chiamato "Una notte, un libro".

 

Abbiamo iniziato circa cinque mesi fa. All'inizio abbiamo lavorato con gente di Yogyakarta, un'altra città indonesiana. Ho un amico lì che ama leggere libri e supporta la piccola biblioteca che ho aperto per i bambini locali, che possono utilizzarla gratuitamente in qualsiasi momento. Ha anche molti contatti all’estero; è così che i turisti stranieri hanno iniziato a venire a casa mia. La nostra OMAH backpackers offre alloggio gratuito in cambio di un libro. Noi lo chiamiamo “Una notte, un libro”. Si può rimanere qui per una notte portandoci un libro, può essere utilizzato, può essere nuovo, va bene. Tutti i libri della nostra biblioteca sono stati donati in quel modo. Ora stiamo provando anche con "Una notte, una lezione ", stare qui e insegnare ai bambini durante la mia lezione di inglese.

 

Già molti stranieri hanno visitato Ajeng. Lei è molto aperta e conosce le differenze tra orientali e occidentali, dal sud e dal nord del mondo o in qualsiasi altra maniera si voglia definire quei due blocchi (presumibilmente) completamente diversi. Si rende conto del differente modo di esprimere le emozioni - gli occidentali protestano energicamente quando qualcosa non va, atteggiamento che è per gli indonesiani motivo di vergogna. Gli indonesiani non esprimono delusione o rabbia; anche in situazioni ovvie (dal nostro punto di vista), come ad esempio quando si ordina qualcosa e non la si riceve. Abbiamo una diversa concezione del tempo, così come un diverso modo di mangiare. Noi di solito mangiamo tre volte al giorno, più o meno alla stessa ora, condividendo il pasto con altri. In casa di Ajeng, cosi come in tutte le famiglie indonesiane che ho avuto la possibilità di visitare, il cibo è preparato al mattino e rimane in cucina. Ogni volta che uno ha fame va e si serve, senza considerare il pasto un'occasione conviviale.

 

Ajeng rispetta molti dei valori che sono importanti per noi, ma del tutto sconosciuti ai suoi compatrioti. Cito la privacy come esempio. Una delle prime domande che ricevo di solito è su marito o figli. E le foto ... Ajeng mi ha protetto dalla marea di selfie, che sono una vera e propria piaga in questa parte del mondo. Alcuni ti si accalcano addosso per scattare più foto possibili con te, raramente chiedendo il permesso. Ma la cosa più importante è che mi ha portata con sé in vari posti, mostrandomi la quotidianità di una donna in un villaggio indonesiano. Insieme a lei e alle sue amiche ho preparato una cerimonia per i 100 giorni dal funerale, osservandole in questa situazione informale, impegnate nei lavori di cucina, ma anche stando insieme, condividendo pensieri e sentimenti. La cerimonia viene preparata dalle donne, ma solo gli uomini possono prenderne parte. Un altro giorno, visitando villaggi vicini, ho avuto la possibilità di provare il succo di canna da zucchero appena tagliata, prepararmi un caffè (ovvero  friggere, pestare e setacciare i chicchi di caffè), testare molti piatti locali cucinati su fornelli tradizionali e prendere parte alla cerimonia di iniziazione di un ragazzo, un rituale denso di tradizione che rimarrà fisso nei miei ricordi per lungo tempo. Si parte con una processione in cui il ragazzo a cavallo è circondato dai parenti più stretti e seguito da ballerini e musicisti del posto e da grossi mostri dalla forma di leone. A seguire, uno sciamano cerca di combattere con i demoni che possiedono quattro uomini del villaggio. La cerimonia ha luogo solo se almeno una persona è posseduta - significa che la natura è d'accordo che il rituale proceda. I posseduti hanno una forza sovrumana, devono essere tenuti a bada da almeno 3-4 altri uomini in modo che non facciano male a nessuno. La processione arriva al pozzo, dove il ragazzo viene lavato e del cibo viene distribuito  tra i famigliari e ospiti d’eccezione. Essendo  straniera sono stata invitata ad unirmi a loro.

 

In Indonesia l’Islam si è fuso con tradizioni radicate nella cultura molto tempo prima che questo raggiungesse la regione. Questo crea una mix di pratiche di cui solo i locali riescono a venirne a capo. Quale giorno si può o si deve fare una certa cosa. In quale registro si dovrebbe parlare con un amico, in quale per discussioni formali e quale usare per parlare con gli anziani. Cosa fare quando si visita la famiglia di un neonato. Queste e molte altre le cose che ho imparato durante i sette giorni trascorsi con Ajeng. Mi ha sorpreso in continuazione, non solo mostrandomi la vita quotidiana della sua famiglia e dei suoi vicini, ma soprattutto nelle nostre profonde conversazioni. Ajeng è una persona aperta, con molte opinioni interessanti che noi definiremmo moderne. Abbiamo parlato molto del ruolo della donna che da un lato è destinata a mansioni tradizionalmente femminili come prendersi cura della casa e della famiglia e dall'altro ha il desiderio e la libertà di realizzare le proprie passioni, aiutare la società. Come ho potuto osservare in un'altra città, hanno i loro incontri per discutere problemi comuni sostenere finanziariamente e in altri ambiti chi ne ha bisogno, parlare di contraccezione e salute. Ajeng, cosi come le altre donne musulmane che ho incontrato sulla mia strada, era ansiosa di scoprire l'Europa e il nostro modo di pensare. Ho risposto onestamente a tutte le sue domande, condiviso i miei pensieri e la mia cultura, sicura di avere un interlocutore curioso e interessato. Ajeng tiene molto alle proprie tradizioni e alla propria religione, ma allo stesso tempo è aperta a diversi tipi di innovamenti che crede siano in grado di migliorare il suo ambiente, come nuovi metodi di insegnamento delle lingue straniere o l'atteggiamento già citato verso l'ecologia.

 

La cosa più difficile è di cambiare la mentalità delle persone. A volte insegniamo ai bambini un atteggiamento positivo. Ma quando tornano a casa, tornano alle cattive abitudini. Spazzatura, guardare la televisione al posto di studiare. La famiglia non dice mai nulla. Pensano che finché i bambini vanno a scuola va tutto bene, anche se non imparano nulla. Questo è il nostro grande obiettivo qui: cambiare la mentalità della gente.

 

Attraverso il suo lavoro, Ajeng colpisce non solo la popolazione locale, ma anche gli stranieri che la visitano. Grazie a lei hanno la possibilità di sperimentare e capire la cultura indonesiana e l'Islam, attorno al quale ci sono molti equivoci e preconcetti. Ajeng è stata così attenta a non forzarmi con la sua religione che non abbiamo mai nemmeno visitato una moschea, anche se abbiamo visto alcuni templi buddisti e indù. Ha, però, risposto di buon grado a tutte le mie domande e spiegato la propria opinione su lati positivi e negativi della sua religione. Curioso il fatto che, se non avessi saputo che stesse parlando dell’Islam, avrei pensato che parlasse di Cristianesimo o qualsiasi altra religione che ho avuto modo di conoscere finora.

Visita il sito di OMAH Backpaker

Share on Facebook
Please reload

RELATED | POWIĄZANE

Please reload

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon

We are Anna and Andrea, a Polish-Italian couple traveling around the world. We are looking for changemakers,  in order to describe and share their stories.

Our journey is based on exchange: story telling and other skills in exchange for a place to sleep and food. 
 

Join the GoodNewsLetter