Sensitiva

February 21, 2020

 

Questa pianta si chiama Sensitiva. Alex di TheTribeGoa ce ne ha parlato. Del modo in cui gli inglesi l'hanno diffusa durante il colonialismo perché pensavano che una pianta che reagisce al tatto fosse divertente. Il nome scientifico è ancora più curioso, Mimosa Pudica. Nonostante il nome, è diventata alla svelta invasiva. Nessun erbivoro lo mangia a causa dei rami spinosi e reagisce molto meglio delle piante autoctone alla comune pratica di pulizia: il fuoco.

A me, ha fatto pensare a me stesso. A proposito del fatto che qui in India anche io a volte reagisco come la sensitiva. Quando vengo schiacciato dentro un autobus sovraffollato e poi vengo spintonato verso l'uscita, quando mi metto a fare la fila e tutto a un tratto mi ritrovo nel mezzo di un affollamento compatto, tendo a irrigidirmi e innervosirmi. Il senso dello spazio personale qui è molto diverso dal mio e questo è ancor più vero per Anna. La distanza interpersonale è diversa in ogni cultura e tende a ridursi nei paesi con clima caldo, il che è qualcosa che si capisce abbastanza alla svelta quando si viaggia ed è stato ben registrato da ricercatori proxemici.

L'altro lato della medaglia di una cultura aperta al contatto è che il tocco intimo tra amici è super comune e non è etichettato come "gay". Qui due amici possono camminare mano nella mano o toccarsi in un modo che Anna mi concederebbe a malapena, senza sollevare perplessità o scherno. Non è altro che un modo per esprimere i propri sentimenti, la vicinanza. Penso che nella nostra società (in Europa centrale) il tocco intimo sia stato in qualche modo troppo appiattito sulla sfera sessuale, rendendolo accettabile solo tra madre e figli, e fino a una certa età. Alle 3 scimmie sagge ("non vedere, non sentire, non parlare", una massima giapponese, un altro paese che non è famoso per il contatto fisico) manca un fratello, come se non ci fosse nemmeno bisogno di menzionare "non  toccare". Eppure il tocco è estremamente importante. È il senso più sofisticato ed il primo che il feto sviluppa nell'utero. Molto prima di vedere o sentire, conosciamo il mondo attraverso il contatto.

Ma per mia grande frustrazione devo ammettere che il contatto fisico in Europa centrale è sottovalutato. Uso molto il tatto. Anche nel test di Gary Chapman è venuto fuori che il contatto è il mio principale linguaggio dell'amore. Uso intensamente questo senso. E mi manca quando devo astenermi dall'usarlo. Mi piacerebbe vivere in una società in cui la comunicazione tattile è apprezzata, un abbraccio è calorosamente benvenuto e una carezza non è immediatamente letta come una strategia di corteggiamento ma semplicemente un modo per dire che ci sono e che ci tengo.

Molto da imparare da gente come gli indiani. 

Share on Facebook
Please reload

RELATED | POWIĄZANE

Please reload

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon

YouTube

We are Anna and Andrea, a Polish-Italian couple traveling around the world. We are looking for changemakers,  in order to describe and share their stories.

Our journey is based on exchange: story telling and other skills in exchange for a place to sleep and food. 
 

Join the GoodNewsLetter