Ucraina



 

Ucraina. Non ne parliamo molto, e in fin dei conti che possiamo dire!? Abbiamo un misto di emozioni, paura, tristezza, rabbia, incredulità, impotenza, senso di colpa. Piangere per disperazione, ma anche per gratitudine, vedendo una tale mobilitazione in Polonia e in altri paesi del mondo. Proviamo ammirazione per i nostri amici e le tante altre persone che si sono impegnate, ma ci chiediamo anche come sia possibile che nello stesso paese in cui oggi tutti sembrano essere coinvolti, un paio di mesi fa venisse considerato illegale caricare in macchina altri rifugiati, un'altra donna con un figlio, al gelo da settimane nella foresta. Passiamo le nostre giornate leggendo notizie, dicendo a noi stessi quanto sia inutile e provando rimorso, perché siamo sotto il sole in Grecia. Stiamo cercando un modo per aiutare che vada oltre il pubblicare qualche post, metter in contatto persone o donare soldi. Allo stesso tempo, cerchiamo conforto e isolamento, un modo per accettare queste emozioni e ritrovare le forze, perché, come sottolineano molti dei nostri amici con esperienza in aiuto umanitario: questo non è uno sprint, è una maratona. Il nostro aiuto servirà non solo oggi e domani, ma anche tra un mese, tra un anno, forse di più. Ci sentiamo in colpa a portare avanti i progetti in cui siamo coinvolti, tenere riunioni, condurre workshop su un argomento diverso dalla guerra. Sentiamo del rimorso ogni volta che inviamo un messaggio su qualsiasi altra cosa che non sia l'attuale conflitto. Eppure, nel profondo, sappiamo che è importante. È importante andare avanti per noi per non impazzire, ed è importante per il mondo, perché i nostri progetti riguardano questo: cambiare il mondo, ascoltarci l'un l'altro, la pace, l'amore. Andrea ha suggerito di scrivere un post sul fatto che ciò di cui abbiamo più bisogno ora è amore. Amore per gli Ucraini e per i Russi. Anna ha reagito dicendo che non se la sentiva ora. Anche se sa che Andrea ha ragione. E che dovremmo prenderci cura di coloro che vengono sia dall'Ucraina che dalla Russia e che magari sono già intorno a noi. Una nazionalità non significa automaticamente consenso alle azioni dei politici. Per tutti loro, anche se in modo diverso, è una situazione drammatica. Amore è arrivato anche ad Anna durante la sessione di respirazione di ieri guidata da Marta Grabowska, per la quale lei è molto grata. Questo è uno dei tanti piccoli modi di Anna per mantenere le energie a lungo termine. Il modo per vivere le emozioni in modo profondo e consapevole, portandole fuori dal corpo in modo che non rimangano bloccate lì per sempre. Insieme alle passeggiate, alla natura, al pianto e alle conversazioni con gli amici, le sessioni di respirazione la tengono attiva. Fa bene, puoi farle anche tu. Inoltre puoi anche donare denaro, raccogliere beni di prima necessità, aiutare a organizzarne la raccolta, aprire la porta di casa ai rifugiati, partecipare a manifestazioni per la pace, sostenere coloro che sono impegnati - con la tua presenza, comprensione, contributo. E puoi pensare a come costruire nel lungo periodo, anche se il futuro è sempre incerto, una società aperta, come creare pace nel mondo e in noi stessi e come lavorare con i traumi, perché di recente ne abbiamo subiti tanti.

Powiązane posty

Zobacz wszystkie
 
Domain: exchangetheworld.info Token: 8f33766246f6a39ac26f12d885511de2616edb4d1c5396105cb312c07a5d1a5f